Obbligo Vaccini per iscriversi a scuola, decreto varato: max due alunni non vaccinati per classe. Si a vaccini monocomponenti

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

L’obbligo vaccinale varrà per l’iscrizione ad asili nido e scuole materne, ovvero nella fascia d’età 0-6 anni, ma riguarderà, con modalità diverse, anche elementari, scuole medie e primi due anni delle superiori, fino cioè ai 16 anni dei ragazzi.

Le vaccinazioni obbligatorie passano, rispetto alla versione iniziale del provvedimento, da 12 a 10 e sono antipoliomielitica, antidifterica, antitetanica, antiepatite B, antipertosse, antiHaemophilus influenzae tipo b; quelle la cui obbligatorietà è sottoposta a verifica triennale sono antimorbillo, antirosolia, antiparotite, antivaricella e quelle raccomandate sono invece antimeningococcica B e C, antipneumococcica e antirotavirus.

Per quanto reiguarda le scuole, “il criterio di distribuzione nelle classi che prevede la presenza di non più di due bambini non vaccinati a classe”.

I genitori che non vaccinano i figli rischiano ora una multa da 100 a 500 euro, contro quella in origine che andava dai 500 ai 7.500 euro. Cade inoltre il rischio di perdere la patria potestà per i genitori che non vaccinano i figli, ma si prevede che questi siano “convocati dall’azienda sanitaria al fine di fornire ulteriori informazioni sulle vaccinazioni e di sollecitarne l’effettuazione”.

Approvato dal Senato anche un emendamento sui vaccini monocomponenti, secondo il quale una persona che è immune da alcune patologie per le quali è prevista la vaccinazione obbligatoria deve venire comunque vaccinato “con vaccini in formulazione monocomponente o combinata in cui sia assente l’antigene per la malattia infettiva per la quale sussiste immunizzazione”. Le vaccinazioni potranno essere prenotate nelle farmacie convenzionate e per il prossimo anno scolastico e’ prevista anche l’autocertificazione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione