Obbligo vaccinale, Speranza: “Valuteremo nelle prossime settimane. Rafforzare campagna vaccini per evitare restrizioni”

Stampa

“Siamo stati i primi sull’obbligo per i sanitari e poi la Francia e numerosi altri Paesi ci hanno seguito. L’obbligo non è una scelta già determinata e certa, ma uno strumento che abbiamo e se necessario andrà attuato senza paura”.

Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, in un colloquio con il Corriere della Sera. Sulla direzione del governo in merito a rendere obbligatoria la vaccinazione, il ministro, che in Campidoglio presiede il G20 dei ministri della Salute, ha detto che “il passaggio dell’Ema renderebbe tutto più facile, ma i vaccini sono già sicuri e quindi si può fare anche senza, come è stato per il personale sanitario. Un governo ha sempre un margine di scelta“.

I tempi? “Si valuterà col passare delle settimane“, ha aggiunto.

E ancora: “O si rafforza ancora la campagna vaccinale, o si è costretti a immaginare che a un certo punto bisognerà usare misure del passato

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione