Obbligo vaccinale per docenti e Ata, gli studenti dicono sì: “I prof devono essere un esempio, vaccinarsi è giusto”

Stampa

Otto studenti su dieci sono a favore dell’obbligo vaccinale per i docenti. A rivelarlo è un sondaggio di ScuolaZoo condotto su 46 mila ragazze e ragazzi di età compresa tra i 14 e i 19 anni.

Il 78% degli intervistati pensa sia giusto mettere l’obbligo per i docenti, la percentuale scende al 68% per i favorevoli ad estenderlo anche agli studenti. Sorprende invece che quasi 3 studenti su 10 dichiarano di avere prof apertamente no vax.

“Abbiamo il diritto di imparare e studiare in sicurezza. Chi non si vaccina mette in pericolo anche gli altri”, spiega Martina, studentessa 17 enne.

“I prof – le fa eco Salvatore, 14 anni – dovrebbero farlo perché sono un esempio e devono insegnare che vaccinarsi è giusto”.

“Con l’obbligo vaccinale non saremmo più un paese libero”, spiega invece il contrario Lorenzo, 18 anni

Poi ci sono studenti che scendono direttamente in campo per raggiungere concretamente l’obiettivo di tornare in presenza: è il caso di Azzurra Chiarelli, Rappresentante d’Istituto ScuolaZoo del Liceo Cannizzaro di Palermo. “Ho proposto alla Preside di scrivere all’ASP di Palermo per organizzare un hub nella nostra scuola. Ero molto preoccupata per le tempistiche con cui vengono fatti i vaccini, spesso passa anche più di un mese tra prenotazione e inoculazione, e di questo passo a settembre non tutti saremmo stati vaccinati. Inoltre ci sono lunghe ore di attesa agli hub vaccinali, e questo non è sicuramente un incentivo”.

Detto, fatto: Preside entusiasta e richiesta di Azzurra accolta. Il Liceo si trasformerà in un hub per vaccinare la popolazione scolastica e i loro familiari, in tempo utile per il rientro tra i banchi. “Sarà molto semplice: ASP mette a disposizione il personale e attraverso un form online ci si potrà vaccinare. Sono molto contenta, alcuni miei compagni mi hanno scritto che grazie a questa iniziativa si sono convinti a vaccinarsi e proprio oggi l’ASP ci ha detto che anche altre scuole stanno decidendo di seguire l’esempio. Devo ringraziare la mia preside, è stata fantastica. Ha creduto fortemente in questa idea e si è mobilitata per realizzarla. Uno splendido esempio di collaborazione tra studenti e docenti” conclude Azzurra

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”