Obbligo vaccinale mirato per i docenti e green pass per navi, aerei e treni. Il governo alla stretta finale

Stampa

Siamo alla stretta finale. Il governo entro mercoledì chiuderà la partita riguardante la scuola e i trasporti, i due settori dove è urgente intervenire.

Le posizioni all’interno dell’attuale maggioranza sono distanti: da una parte, come sottolinea il Corriere della Sera, abbiamo il ministro Speranza che spinge per imporre obbligo vaccinale a docenti e Ata, dall’altra, invece, abbiamo il leader della Lega, Matteo Salvini, che chiede un rinvio. Martedì (o al più tardi mercoledì) sarà il giorno decisivo: prima cabina di regia, poi Consiglio dei Ministri.

L’obiettivo prioritario, è ormai noto, è riportare tutti in presenza a scuola, ma valutando anche l’andamento della curva epidemiologica. Pertanto si lavora per riportare il 100% degli studenti in classe mantenendo le attività aperte.

Secondo le ultime indiscrezioni raccolte sembra ormai scontato che dalla fine di agosto ci sia l’obbligo per docenti e Ata considerata la situazione in base ai dati in possesso della struttura commissariale.

Con l’85% degli insegnanti immunizzati o in attesa del richiamo, l’ipotesi prevalente è di aspettare ancora almeno fino al 20 agosto (contando di sfondare la quota del 90% di vaccinati) prima di adottare eventuali provvedimenti forti.

Il governo pensa all’introduzione di provvedimenti mirati prima dell’avvio dell’anno scolastico solo in quelle aree dove è troppo basso il numero di docenti e Ata immunizzati. Dunque aspettare ancora qualche settimana e poi prevedere una serie di misure progressive che possano convincere i dipendenti pubblici a vaccinarsi. Chi non è vaccinato non potrà stare a contatto con studenti e colleghi.

Per quanto concerne, invece, i trasporti pubblici, il green pass non dovrebbe essere necessario per il trasporto pubblico locale, ma alle Regioni è stato chiesto un piano dettagliato sul potenziamento dei mezzi pubblici: l’intenzione è di aumentare il numero delle corse, visto che l’80% della capienza non è sufficiente a garantire distanziamento su metro e autobus

Certa, invece, la certificazione verde per aerei, navi e aerei. La linea rigorista la vorrebbe in campo già dal 6 agosto, ma si valuta un compromesso, probabilmente dopo Ferragosto o addirittura a fine agosto.

Dal 6 agosto entra in vigore l’obbligo del certificato verde per spettacoli, cinema, centri termali, piscine, palestre e ristoranti al chiuso: esercenti e gestori si preparano alla misura, che per i trasgressori prevede multe di mille euro fino alla chiusure del locale.

A breve sarà siglata poi l’intesa con le farmacie e altre strutture sanitarie per calmierare i prezzi dei tamponi, in vista dell’entrata in vigore dell’obbligatorietà del green pass.

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione