Obbligo vaccinale, Locatelli: “Una pagina chiusa. Va mantenuto solo per i sanitari”

WhatsApp
Telegram

Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità, allontana l’ipotesi di un nuovo obbligo vaccinale esteso oltre al personale sanitario. 

Facendo il punto sulla situazione covid e restrizioni, Locatelli, si legge su La Repubblica, dice a proposito delle mascherine: “lo ha detto anche il ministro Roberto Speranza. Ora deve entrare in gioco la responsabilità individuale. Le mascherine vanno usate quando ci sono rischi di contagio“.

Sulla distinzione fra lavoratori pubblici e privati, dove quest’ultimi devono mantenere la mascherina in ufficio, l’esperto spiega: “la valutazione è stata dei colleghi del ministero alla Salute. Non vedo motivi per differenziare i comportamenti nei due ambiti. Chiaro poi che bisogna valutare il tipo di lavoro, dove viene svolto e con chi, facendo grande attenzione ai fragili“.

Si sta davvero andando verso l’endemizzazione? “Ci stiamo avviando in quella direzione, lo dico da tempo. Ma stiamo attenti a non sottovalutare questa fase. Il virus può continuare a fare male”, prosegue Locatelli, che parla della prossima campagna vaccinale autunnale: “la offrirei, oltre ai fragili, a chi ha dai 60 anni in su. Da quell’età c’è un maggiore rischio di sviluppare una malattia grave“.

E proprio sull’obbligo vaccinale, il presidente del Consiglio Superiore della Sanità dice: “quella ormai è una pagina chiusa dal 15 di giugno. Sono al contrario molto fermo sul personale sanitario, che invece deve rispettare l’obbligo“.

WhatsApp
Telegram

Adempimenti dei Dirigenti scolastici per l’avvio del nuovo anno scolastico: scarica o acquista il nuovo numero della rivista per Dirigenti, vicepresidi, collaboratori del DS e figure di staff