Obbligo vaccinale docenti e Ata, Flc Cgil: “Già risposto con senso civico. Copertura alta”

WhatsApp
Telegram

“La risposta di senso civico è stata bellissima. Quella della scuola è una categoria ampiamente vaccinata e riteniamo possa sostenere anche questo obbligo”. Così la segretaria nazionale Flc Cgil Grazia Maria Pistorino, sull’obbligo vaccinale per il personale scolastico.

E ricorda che il sindacato ha sollecitato una corsia preferenziale per la terza dose, anche per gli insegnanti giovani e precari che hanno fatto la seconda dose oltre 6 mesi fa.

Si comprende – sottolinea – la logica dell’obbligo per il personale che è a contatto con persone che non possono essere vaccinate, come i bambini. Ma la categoria degli insegnati ha dimostrato di mettersi al servizio del Paese: una disponibilità che andava valorizzata, adottando una corsia preferenziale per la terza dose, invece si propone un obbligo“.

Il dato del 95% di copertura vaccinale per il personale della scuola è l’ultimo disponibile, a tale proposito la sindacalista sollecita il monitoraggio, previsto dal protocollo sulla sicurezza di quest’estate. In attesa delle disposizioni definitive, si può ipotizzare che i controlli sull’obbligo si svolgano come adesso avviene per il Green pass, osserva: “Il Qr code non funziona più a chi fa il tampone“, con le relative sanzioni già previste. E aggiunge: “Il controllo ogni mattina per far cominciare il lavoro è un aggravio non indifferente, servono più risorse che non sono arrivate ancora nella legge di Bilancio, anche se promesse“.

E non vede un rischio che molti non vaccinati si diano malati mettendo in crisi la scuola. “Riteniamo talmente basse le percentuali che non c’è rischio di svuotamento“.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur