Green pass scuola, Gissi (Cisl Scuola) attacca: “I dirigenti scolastici diventano ispettori delle Asl. Sanzioni per chi non controlla. La norma va cambiata” [VIDEO]

Stampa

Con un breve video che ha inviato alla redazione di Orizzonte Scuola, la segretaria generale della Cisl Scuola, Maddalena Gissi, commenta negativamente la misura prevista dal decreto green pass, appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che scarica sui dirigenti scolastici la responsabilità di controllate il green pass al personale docente e Ata. Se non lo faranno, scatteranno multe dai 400 ai 3000 euro.

Scopriamo da una lettura attenta, visto che non ne abbiamo discusso con nessuno, che i dirigenti scolastici devono essere multati con importi da 400 a 3 mila euro se non si preoccupano di verificare il possesso del requisito“, tuona Gissi.

Mi chiedo come faranno il 1° di settembre, quando riprenderanno le attività del piano estate, quando si ricomincerà ad accogliere nelle scuole tanto personale estraneo“, prosegue la sindacalista.

I dirigenti scolastici diventano ispettori delle Asl. Anche questo ruolo. Invece di lasciare loro il ruolo di leadership educativa e pedagogica“, osserva provocatoriamente Maddalena Gissi.

La norma va cambiata. E presto“, conclude la segretaria generale della Cisl Scuola.

Al comma 4 dell’articolo 1 e paragrafo art. 9 ter del decreto legge, si legge infatti “I dirigenti scolastici e i responsabili dei servizi educativi dell’infanzia nonché delle scuole paritarie e delle università sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni di cui al comma 1. Le verifiche delle certificazioni verdi COVID-19 sono effettuate con le modalità indicate dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri adottato ai sensi dell’articolo 9, comma 10. Con circolare del Ministro dell’istruzione possono essere stabilite ulteriori modalità di verifica. Con riferimento al rispetto delle prescrizioni di cui al comma 1 da parte degli studenti universitari, le verifiche di cui al presente comma sono svolte a campione con le modalità individuate dalle università”.

Al comma 5, si legge poi che “la violazione delle disposizioni di cui ai commi 1 e 4 è sanzionata ai sensi dell’articolo 4 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 maggio 2020, n. 35. Resta fermo quanto previsto dall’articolo 2, comma 2-bis, del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74.”.

DECRETO LEGGE GREEN PASS

Green pass obbligatorio per docenti e Ata fino al 31 dicembre, confermato: dopo 5 giorni di assenza si perde lo stipendio. Il testo definitivo in Gazzetta Ufficiale [PDF]

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione