Nuovo regolamento contabilità, burocrazia più snella e chiara

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il nuovo regolamento di contabilità delle istituzioni scolastiche snellirà la burocrazia a partire dal 1 gennaio del prossimo anno.

Il provvedimento, su cui Orizzonte Scuola ha già dedicato un approfondimento, in vigore dall’inizio dell’anno solare ha bisogno però di una circolare esplicativa.

E’ necessario infatti avere indicazioni precise in breve termine per uniformare l’interpretazione e l’applicazione delle nuove disposizioni. Ad emanare la circolare deve essere l’amministrazione centrale.

Che cosa cambia

Il nuovo regolamento di contabilità recepisce le novità normativa degli ultimi anni soprattutto in tema di appalti. Disciplina, fra le altre, la materia dell’affidamento dei lavori, servizi e forniture da parte delle scuole. Anche la stesura del programma annuale diventa più trasparente. I fatti contabili e gestionali devono indicare lo scopo e le voci di spesa al quale vengono destinati contributi volontari o raccolta fondi anche per il tramite del crowfunding.

Innalzato da 2mila a 10mila euro il tetto per gli affidamenti diretti. Le gare invece, dovranno essere indette con almeno 5 soggetti concorrenti, per le forniture di importo compreso tra più di 10 mila euro e 135 mila euro.

Attesa dal ministero dell’istruzione, la apposita circolare attuativa con le istruzioni operative delle modifiche introdotte dal nuovo regolamento di contabilità.

Versione stampabile
anief
soloformazione