Nuovo Piano Triennale delle Arti, progetti e indicazioni operative per sostenere la creatività delle studentesse e degli studenti

Stampa

 Proposte innovative per valorizzare la creatività delle studentesse e degli studenti e favorire l’apprendimento di tutte le forme d’arte negli istituti di ogni grado, sin dalla scuola dell’infanzia. È stata emanata la nota operativa (prot. n. 16254 del 12 luglio 2021) che fornisce indicazioni per l’attuazione del Piano Triennale delle Arti, che ha l’obiettivo di potenziare la conoscenza e la pratica artistica e musicale.

Il Piano triennale delle arti prevede altresì la promozione del patrimonio culturale e ambientale, delle produzioni italiane di qualità, della pittura, del design, del cinema e del settore audiovisivo, del teatro, della danza, dell’archeologia, della filosofia e molto altro. In modo che le conoscenze e le competenze artistiche entrino a far parte del bagaglio culturale e valoriale delle cittadine e dei cittadini di domani.

Il Piano è uno dei provvedimenti previsti dal decreto legislativo n. 60 del 2017 dedicato alla promozione della cultura umanistica dell’arte e della musica nelle scuole. È stato adottato con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri lo scorso maggio (Dpcm del 12 maggio 2021), e registrato recentemente dagli organi di controllo, costituirà per i prossimi tre anni scolastici una piattaforma di indicazioni e informazioni per le scuole, che potranno operare anche in collaborazione con soggetti appositamente accreditati dal Ministero dell’istruzione, facenti parte del sistema coordinato per la promozione dei temi della creatività prevalentemente costituito da organizzazioni del mondo del terzo settore e soggetti pubblici che operano in campo, artistico, musicale e culturale (l’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca educativa (INDIRE); le Università; gli Istituti dell’Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica; gli Istituti Tecnici Superiori; gli Istituti del Ministero della Cultura; gli Istituti italiani della cultura; le Regioni; gli Enti Locali).

Viene proposta una serie di priorità strategiche, organizzative e didattico-artistiche, verso cui orientare i progetti degli istituti italiani: promuovere lo studio dei linguaggi artistici come requisiti fondamentali del curricolo, anche per lo sviluppo di competenze sociali e civiche e di cittadinanza europea, per favorire l’inclusione e la valorizzazione delle differenze individuali, anche tramite approcci formativi “non formali” e “informali”; valorizzare, in modo accessibile a tutti, il patrimonio culturale materiale, immateriale, digitale, ambientale; garantire il pluralismo linguistico e l’attenzione alle minoranze e alle tradizioni popolari locali; sviluppare e potenziare opportunità di crescita e apprendimento a partire dalla scuola dell’infanzia; favorire il coordinamento tra le scuole e i soggetti del sistema coordinato per la promozione dei temi della creatività.

 

Le scuole, singolarmente o in rete, potranno realizzare partenariati con i soggetti del sistema coordinato, per elaborare progetti e condividere risorse laboratoriali, strumentali e professionali, anche nell’ambito di accordi quadro preventivamente stipulati dal Ministero dell’Istruzione, nonché dal Ministero della Cultura, d’intesa con il MI.

Dall’anno scolastico 2021/2022, le scuole potranno partecipare agli Avvisi banditi dalla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, la valutazione e l’internazionalizzazione del sistema nazionale di istruzione, scegliendo tra le progettualità proposte dal Piano, dedicate ai vari ambiti artistici e culturali.

È prevista la presenza di Referenti proposti dagli Uffici Scolastici Regionali, che avranno il compito di interloquire con i componenti del sistema coordinato, per favorire le collaborazioni tra istituzioni scolastiche e la costituzione di reti (azioni già avviate dagli USR nella precedente edizione del Piano e ora ulteriormente implementate). È prevista inoltre la presenza di scuole polo nazionali che contribuiranno a realizzare azioni di sistema, in collaborazione con gli istituti, con gli USR e con il Gruppo nazionale per l’attuazione del Piano.

Viene confermata la collaborazione strategica con INDIRE che curerà il monitoraggio delle azioni con il supporto del Sistema Informativo del Ministero dell’Istruzione e il coordinamento del Gruppo nazionale per l’attuazione del Piano, e sarà disponibile a questo link

Le informazioni sulle azioni del Ministero dell’Istruzione in attuazione del Piano: https://miur.gov.it/web/guest/arti-e-creativita

Stampa

Eurosofia: TFA SOSTEGNO VI CICLO, cosa studiare? Oggi alle 16.00 ne parliamo con gli esperti