Nuovi percorsi abilitanti secondaria, erogati dalle Università tramite Centri. Cosa sono e quali caratteristiche presentano

WhatsApp
Telegram

I nuovi percorsi universitari abilitanti per la scuola secondaria sono organizzati ed erogati dalle Università ovvero dalle istituzioni AFAM, attraverso appositi Centri. Individuazione, caratteristiche e funzioni dei Centri.

Nuovo sistema

Il DL n. 36/2022, convertito in legge n. 79/2022, ha modificato il sistema di formazione iniziale e accesso al ruolo nella scuola secondaria di primo e secondo grado, delineato dal D.lgs. 59/2017 e che adesso si articola in:

  1. un percorso universitario e accademico abilitante di formazione iniziale corrispondente a non meno di 60 CFU/CFA
  2. un concorso pubblico nazionale, indetto su base regionale o interregionale, cui accedono gli abilitati
  3. un periodo di prova in servizio di durata annuale con test finale e valutazione conclusiva

[Quello sopra descritto è il sistema cosiddetto ordinario; prevista anche una fase transitoria cui dedicheremo un apposito articolo]

Il percorso, di cui al punto 1 sopra riportato, è organizzato ed erogato dalle Università ovvero dalle istituzioni AFAM, attraverso Centri individuati dalle medesime, anche in forma aggregata, nell’ambito della rispettiva autonomia statutaria e regolamentare, secondo le disposizioni attuative del previsto DPCM, il cui testo è stato già sottoposto al parere del CSPI e di cui si attende adesso la pubblicazione ufficiale.

Centri

Individuazione e caratteristiche

I Centri sono individuati dalle Università e dalle istituzioni AFAM che, a tal fine costituiscono:

– un organo deliberante del Centro, formato da:

  • componenti della Giunta (coordinatore del centro e direttore del percorso formativo);
  • un dirigente tecnico o dirigente scolastico o docente nominato dall’USR;

– un consiglio didattico per ogni percorso di formazione iniziale, composto da:

  • professori universitari o docenti delle Istituzioni AFAM responsabili della didattica del percorso formativo;
  • docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado con funzione di tutoraggio;
  • una rappresentanza degli studenti.

Funzioni del Centro

Ai Centri spettano le seguenti funzioni:

  • coordinamento didattico e organizzativo dei percorsi di formazione iniziale, in coerenza con le classi di concorso;
  • organizzazione dei percorsi di formazione iniziale anche in forma aggregata, nel rispetto della qualità e della sostenibilità dei percorsi medesimi;
  • verifica della coerenza dei settori disciplinari delle attività formative, previste nell’ambito delle didattiche disciplinari, con le specificità delle rispettive classi di concorso;
  • individuazione delle modalità di condivisione delle attività formative, anche a livello regionale o interregionale per i percorsi con un basso numero di iscritti, al fine di assicurare l’efficienza nell’utilizzo delle risorse umane e logistiche.

Come detto sopra, ciascun Centro è dotato di un consiglio didattico, cui competono:

  • l’individuazione delle le attività formative funzionalmente correlate al Profilo di cui all’allegato A al DPCM suddetto e ai risultati di apprendimento degli studenti;
  • il coordinamento delle attività formative del percorso di formazione iniziale nei contenuti disciplinari e nelle metodologie didattiche, evitando la duplicazione di conoscenze, abilità e competenze già acquisite dagli studenti e prevedendo l’attivazione di laboratori pedagogico-didattici coerenti con il Profilo di cui al succitato allegato A;
  • la proposta ai dipartimenti delle Università e delle Istituzioni AFAM, con le modalità previste dai rispettivi regolamenti, dell’assegnazione dei carichi didattici, anche tenuto conto dei requisiti di accreditamento dei percorsi.

NB: le info sopra riportate si rifanno alla bozza di DPCM, per cui potrebbero essere soggette a modifiche, che comunicheremo prontamente.

Decreto PA BIS

Concorso ordinario 2020, graduatorie diventano a esaurimento sia per infanzia primaria che secondaria. Dal 2024/25 però assunzioni in coda

Percorsi abilitanti docenti, potranno svolgersi online fino al 50% del totale

Concorso straordinario religione cattolica, sale al 70% la quota per le assunzioni dei precari con 3 anni di servizio

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri