Nuovo PEI, Snals-Confsal chiede intervento urgente del Ministero dopo la sentenza del Tar Lazio

Stampa

Lo Snals interviene in merito alla sentenza del Tar Lazio che annulla il nuovo modello di PEI, chiedendo un intervento tempestivo al Ministero.

Il TAR del Lazio ha annullato il decreto Interministeriale (Istruzione ed Economia) numero 182 del 2020 recante l’adozione del modello nazionale di PEI, delle correlate Linee guida e delle modalità di assegnazione del sostegno agli alunni con disabilità. Il ricorso era stato presentato da alcune Associazioni di genitori e docenti di sostegno“, scrive il sindacato guidato da Elvira Serafini.

Il giudice amministrativo ha ritenuto che l’adozione del nuovo modello di PEI e delle Linee Guida sarebbe dovuta essere oggetto di un regolamento e non di un decreto. Il TAR ha osservato anche che l’esonero degli alunni disabili da alcune discipline presenta caratteri discriminatori. Tra l’altro la redazione del nuovo PEI, in mancanza di Linee guida, rende difficile garantire equità e trasparenza nell’assegnazione delle ore di sostegno“, prosegue lo Snals che avverte: “La decisione del TAR metterà le scuole e i dirigenti scolastici in una situazione di ulteriore incertezza, anche perché entro il 31 ottobre era prevista la presentazione del PEI da parte di ciascuna scuola”.

Ecco perchè, lo “SNALS-Confsal chiede che il Ministero fornisca indicazioni provvisorie alle scuole, indipendentemente da eventuali richieste di sospensive che saranno presentate. L’attuazione delle norme previste dal D.lgs. 66/2017 avrebbe richiesto una fase di sperimentazione, dopo la quale, con la partecipazione di tutti i soggetti coinvolti e le parti sociali, si sarebbe potuta condividere una regolamentazione più aderente ai bisogni degli alunni disabili e alle esigenze delle scuole autonome“, conclude il sindacato.

Sostegno, il TAR boccia il nuovo modello di PEI e le linee guida. Le scuole rischiano il caos. TESTO DELLA SENTENZA

Stampa

Eurosofia avvia il nuovo ciclo formativo: “Coding e pensiero computazionale per la scuola del primo ciclo”