Nuovo PEI, GLO può chiedere chiarimenti all’Inps su certificazione alunno. Ecco come

Stampa

Il Ministero dell’Istruzione, con la nota n. 2567 del 23 agosto 2021, ha fornito indicazioni ai fini dell’aggiornamento dei fascicoli degli alunni con disabilità nella partizione separata dell’Anagrafe nazionale studenti (ANS). Nella nota si sottolinea l’importanza del predetto aggiornamento perché, tra le altre cose, il GLO può chiedere dei chiarimenti all’Inps in merito alla documentazione dell’alunno con disabilità. Come procedere.

Nota

Nuovo PEI

Ricordiamo che il Ministero dell’Istruzione, di concerto con il MEF, con il DI n. 182/2020 ha adottato il nuovo modello nazionale di Piano Educativo Individualizzato (PEI) e le relative Linee Guida ed ha definito  le  nuove modalità di assegnazione delle misure di sostegno agli alunni con disabilità.

Il PEI è elaborato e redatto dal GLO, ossia dal gruppo operativo per l’inclusione, composto dal team dei docenti contitolari o dal consiglio di classe (compresi naturalmente i docenti di sostegno contitolari di classe/sezione) e presieduto dal dirigente scolastico o da un suo delegato. Approfondisci composizione e compiti del GLO

Esame della documentazione

Tra i compiti del GLO vi è l’esame della documentazione degli alunni con disabilità, ai fini dell’assegnazione delle risorse di sostegno. Al riguardo, nelle summenzionate Linee Guida, il Ministero ha sottolineato la responsabilità in capo ai membri del GLO relativamente alle decisioni assunte, in quanto le stesse determinano oneri di spesa. Pertanto, nell’ambito dell’esame della documentazione, qualora si riscontrino delle incongruenze riguardanti il contenuto della certificazione ovvero qualora vi siano, in senso allo stesso gruppo, delle controversie sull’interpretazione dei contenuti della medesima certificazione, il GLO può intervenire, come disposto dall’articolo 17 del DI 182/2020.

Nello specifico, il GLO può intervenire nei seguenti casi:

  • in caso di controversie sull’interpretazione dei contenuti della certificazione, il dirigente scolastico o chi presiede la seduta del GLO può chiedere al rappresentante dell’Unità di Valutazione Multidisciplinare della ASL un’interpretazione del contenuto della stessa; 
  • in caso di indicazioni di norme non corrispondenti alla tipologia di disabilità indicati nella documentazione clinica, qualora non si raggiunga un accordo in seno al GLO, chi presiede la riunione trasmette i documenti oggetto di discussione al Dirigente scolastico che provvede a chiedere chiarimenti al Presidente della Commissione INPS del territorio ove è stato rilasciato; 
  • in ogni caso, qualora un componente del GLO ravvisi eventuali incongruenze circa il contenuto della certificazione, chi presiede la riunione trasmette la documentazione al Dirigente scolastico che provvede a contattare il competente ufficio dell’INPS preposto al controllo delle Commissioni di valutazione. 

Nelle Linee Guida si riporta come esempio di caso in cui possono sorgere dei dubbi in merito alla documentazione, quello relativo all’individuazione di alunni con DSA quali soggetti beneficiari della legge 104/1992, permettendo così l’assegnazione dell’insegnante di sostegno non prevista invece dalla legge n. 170/2010 (se non in casi di comorbilità con altri disturbi o patologie in base alle quali è giustificato ricorrere alla Legge 104/92). E’ vero, evidenzia il Ministero, che all’interno del GLO non siano necessariamente presenti membri con conoscenze in campo clinico, se non il rappresentante dell’ASL, tuttavia i predetti membri hanno le competenze per una attenta lettura e comprensione della certificazione attestante il riconoscimento della condizione di disabilità ai fini dell’inclusione scolastica.

Come contattare l’Inps

La nota del 23 agosto 2021 indica le modalità, tramite le quali i sopra indicati membri del GLO possono contattare l’Inps:

Inoltre, l’art. 17 del D.M. n.182/2020 prevede che per l’esame della documentazione prevista possano essere effettuati accertamenti presso il competente ufficio INPS. Anche in questo caso sono stati previsti appositi servizi sulla partizione separata di ANS, a seguito di protocollo d’intesa MI-INPS, che permettono di richiedere a INPS una verifica della certificazione 104 dell’alunno, da parte della scuola.

La scuola (o meglio il GLO), dunque, nei sopra riportati casi, può chiedere all’Inps una verifica della certificazione dell’alunno tramite appositi servizi presenti nella partizione separata dell’Anagrafe nazione studenti (presenti sul SIDI), dedicata appunto agli allievi con disabilità.

Ricordiamo che le proposte delle risorse di sostegno da assegnare sono già state formulate prima del termine delle attività didattiche dello scorso anno scolastico (entro il mese di giungo), tuttavia i GLO dovranno adesso procedere all’approvazione definitiva del PEI per l’a.s. 2021/22 entro il prossimo 31 ottobre.

nota n. 2567 del 23 agosto 2021

DI 182/2020

Inclusione e nuovo PEI – Pagina Ministero

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”