Nuovo PEI, ci sarà una riduzione delle ore e dei docenti di sostegno? Miceli: “Si, circa 5 mila insegnanti in meno all’anno” [VIDEO]

Stampa

“Non si tratta di un sospetto. La reazione illustrativa della legge di bilancio ha quantificato una riduzione dei docenti di sostegno di 5 mila unità in meno all’anno”. Lo ha detto Walter Miceli, avvocato specializzato in diritto scolastico nel corso di un recente dibattito su Orizzonte Scuola TV dal titolo: “Nuovo PEI, le novità: dalle ore di sostegno all’esonero per gli alunni con disabilità”.

Secondo Miceli dietro alla scelta ci sarebbe proprio il MEF  e “con questo nuovo PEI si cerca di spezzare un automatismo che ha legato fino ad oggi la gravità della disabilità dello studente con l’assegnazione delle ore di sostegno”.

Tuttavia, questo automatismo sulla base del quale si assegnavano più ore di sostegno in base alla gravità in realtà “non è mai esistito nemmeno nella normativa precedente“, spiega Miceli “perché gli insegnanti potevano molto agevolmente discostarsi dall’accertamento sanitario, motivandolo. Oggi occorrerà motivare molto bene perché non si dia il massimo delle ore“.

Con il nuovo PEI, insomma, l’accertamento di carattere sanitario prende il sopravvento sulla discrezionalità dei docenti. “Ma il profilo di funzionamento ancora non esiste e non ci sono le linee guida per redigere questo documento. Abbiamo diagnosi diagnosi funzionali e documenti precedenti che non possono essere più redatti ma non abbiamo neanche i nuovi profili di funzionamento“, fa notare Walter Miceli.

Il meccanismo, secondo l’esperto in diritto scolastico, genererà nuovi ricorsi. In due casi precisi sicuro ovvero nel caso di alunno senza docente di sostegno e nel caso di riduzione di ore che se manca la motivazione, ovvero il profilo di funzionamento, anche in questo caso il ricorso sarà vinto dall’alunno“, conclude l’avvocato.

PEI, il nuovo modello nazionale: Modelli, FaQ, approfondimenti [SPECIALE]

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur