Nuovo Ministro dell’Istruzione, la nomina di Bianchi ben voluta dal popolo della scuola. Il sondaggio di Orizzonte Scuola

Stampa

Patrizio Bianchi è il nuovo ministro dell’Istruzione dell’esecutivo Draghi. 68 anni, economista, già a capo della task force per la riapertura delle scuole a settembre, succede a Viale Trastevere alla ministra dell’Istruzione uscente, Lucia Azzolina.

Orizzonte Scuola, tramite un sondaggio svolto nelle scorse ore, ha chiesto ai propri utenti chi preferisse a Viale Trastevere: il nome di Bianchi ha prevalso, seppur di poco, rispetto a quello di Azzolina, attuale ministra. Il 33,09% degli utenti (pari a 1178) dice sì a Bianchi, mentre il 30,62% degli utenti (pari a 1090) non sarebbe contrario alla riconferma della deputata pentastellata.

Più staccati gli altri, Antonella Polimeni, Cristina Messa e Antonio Malaschini. Polimeni, però, potrebbe tornare in auge qualora Draghi decidesse di accorpare il Ministero dell’Istruzione con quello dell’Università (il “vecchio” Miur).

È nato a Copparo (Ferrara) il 28 maggio 1952. È sposato con Laura Tabarini dal 1984, hanno due figli, Lorenzo nato nel 1988 e Antonionato nel 1992.

Come si legge sul suo curriculum, nella sua lunga carriera accademica e professionale Patrizio Bianchi ha sempre coniugato una rigorosa ricerca scientifica sui fondamenti della produzione ed innovazione industriale con l’assunzione diretta di responsabilità nella gestione di enti ed istituzioni pubbliche e private rivolti alla formulazione, programmazione ed attuazione di politiche per l’educazione e la ricerca, l’innovazione e lo sviluppo.

Formatosi alla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna con Romano Prodi e Alberto Quadrio Curzio, si è perfezionato alla London School of Economics con Basil Yamey, percorrendo un’intensa carriera accademica, fino al ruolo di professore ordinario nel 1989 e di Rettore dell’Università di Ferrara (2004) e di Presidente della Fondazione della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (2007).

Noto a livello internazionale per i suoi studi sulle politiche industriali, alla carriera accademica ha aggiunto una comprovata esperienza professionale, sia in ambito internazionale che nazionale.

Ha pubblicato circa 200 articoli e 32 volumi, di cui 12 in inglese e 3 in spagnolo.

Nel 2004 viene eletto Rettore della Università di Ferrara, per poi essere riconfermato per il secondo mandato triennale fino al 2010.

In sintesi:

– 1976 – Laurea in Scienze politiche, indirizzo economico, con lode, Università di Bologna
– 1976 – borsa di studio alla Facoltà di Economia della Libera Universitàdi Trento
– 1977 – 1980 – London School of Economics and Political Sciences e Price Commission
– 1980 – Ricercatore universitario presso Facoltà di Economia, LiberaUniversità di Trento
– 1982 – Ricercatoreuniversitario, Istituto di Scienze Economiche, Facoltà di Scienze
Politiche, Università di Bologna
– 1986 – Professore Associato di Politica Economica,Istituto di Scienze Economiche, Facoltàdi Scienze Politiche, Università di Bologna
– 1989 – Professore Straordinario di Politica Economica alla Facoltà di Economia, Università di Udine
– 1991 – Professore Straordinario di Politica Economica delle Comunità Europee, Facoltà di
Scienze Politiche, Università di Bologna, sede di Forlì
– 1994 – Professore Ordinario di Politica Economica, Dipartimento di Scienze Economiche, Università di Bologna, direttore Dottorato in Economia ed istituzion
– 1997 – 2000 – Presidente Comitato Ordinatore Facoltà di Economia, Università di Ferrara
– 2000 – 2004 – Preside della Facoltà di Economia della Università di Ferrara
– 2004 – 2010 – Rettore della Università di Ferrara
– 2004 – 2007 – Membro del Consiglio direttivo della CRUI
– 2007 – 2010 – Presidente della Fondazione CRUI
– 2003 – 2010 – Presidente IMPAT – consorzio universitario per la promozione del trasferimento tecnologico e degli spin off da ricerca
– 2007 – 2010 – Presidente Università telematica internazionale Uninettuno

Nel 2010, alla conclusione del suo secondo mandato come Rettore, è nominato Assessore regionale
della Regione Emilia Romagna con delega a Università, ricerca, scuola, formazione professionale e
lavoro.

Nel 2020 l’incarico di capo della task force per la riapertura delle scuole nominato dalla ministra dell’Istruzione uscente, Lucia Azzolina.

La sua idea di scuola

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur