Valditara nuovo ministro dell’Istruzione. Le sue prime parole a Orizzonte Scuola: “Istruzione e Merito, messaggio politico chiaro. Onoratissimo dell’incarico”

WhatsApp
Telegram

Giuseppe Valditara è il nuovo ministro dell’Istruzione. Succede a Patrizio Bianchi alla guida del dicastero di Viale Trastevere.

Contattato dalla redazione di Orizzonte Scuola, Valditara non nasconde l’emozione per l’incarico: “Sì, una grandissima emozione e un onore essere il nuovo ministro. Penso a mia madre che ha dedicato oltre 40 anni alla scuola, sarà un piacere occuparsi di istruzione”.

Sulla dicitura Istruzione e Merito, Valditara afferma: “Si tratta di un messaggio politico chiaro. L’Istruzione è un settore molto importante, nessun dubbio”.

La scheda

Ordinario di Diritto Romano presso l’università di Torino, nato a Milano il 12 gennaio 1961, è stato candidato dalla Lega nelle ultime elezioni, non risultando eletto. Tra i consiglieri più vicini di Matteo Salvini, Valditara ha una storia politica tutta nel centrodestra, partendo proprio dal mondo della Lega, che lo vede, già nel 1993, nel direttivo della Fondazione Salvadori presieduta da Gianfranco Miglio, di cui è allievo.

È la Lega di Umberto Bossi, e il poco più che trentenne Valditara è tra gli autori della bozza di ‘Costituzione federale’, approvata poi dal Congresso di Assago della Lega Nord. Di quegli anni è poi l’avvicinamento a Pinuccio Tatarella e al mondo di Alleanza Nazionale, poi il debutto in politica, con l’elezione a Roma. Diventa senatore e resta a Palazzo Madama dal 2001 al 2013, per tre legislature. Per An è responsabile del dipartimento Scuola e Università. Poi un passaggio in Fli, con Gianfranco Fini. Nel 2010 lavora alla Riforma Gelmini per l’università.

Lasciata la politica attiva fonda prima Logos, rivista politico-culturale online, un progetto vicino alle posizioni della Lega e Noi con Salvini e poi, nel 2020 il think tank ‘Lettera 150’. È inoltre direttore scientifico della rivista Studi giuridici europei. L’ultimo volume pubblicato è ‘l’Italia che vogliamo’, (con la prefazione di Matteo Salvini) è stato portato in tour dal segretario leghista, costituendo una sorta di programma del salvinismo, il ‘manifesto della Lega per governare il Paese’, si legge nel sottotitolo. A Viale Trastevere, sede dell’Istruzione, Valditara è già stato nel 2018, come capo dipartimento per la Formazione superiore e la ricerca al Miur nel dicastero guidato dal leghista Marco Bussetti, durante il Conte I, il governo M5S-Lega.

WhatsApp
Telegram

TFA SOSTEGNO VIII CICLO: Scegli il corso di preparazione di Eurosofia a cura del Prof. Ciracì e dell’Avv. Walter Miceli che prepara a tutte le prove