Nuovo Governo, per il Ministero dell’Istruzione candidata anche Azzolina. Spunta il nome di Cristina Messa

Stampa

La Ministra dell’Istruzione uscente sarebbe ancora in corsa per una conferma a Viale Trastevere anche se il quadro politico che si sta delineando nelle ultime ore, specie all’interno del Movimento Cinque Stelle, non lascia indietro alcuna ipotesi. Con Bianchi il favorito per la poltrona di Viale Trastevere, spunta anche il nome di Cristina Messa.

Azzolina, insieme alle colleghe Fabiana Dadone e Paola Pisano, cercano riconferma, secondo La Repubblica. Una riconferma che non può certo apparire facile, anche per via della scelta “tecnici o politici” nei Ministeri che Draghi svelerà nelle prossime ore.

Allo stato attuale resta in pole position Patrizio Bianchi: il docente di economia e politica industriale, assessore all’istruzione in Emilia Romagna per due mandati, nel 2020 ha fatto parte della task force ministeriale, formata proprio dalla ministra dell’istruzione Lucia Azzolina per la gestione della ripartenza delle lezioni durante la pandemia di Covid-19. La sua figura viene accostata sin dai primi giorni di incarico a Draghi a Viale Trastevere. Ma non è il solo: Antonella Polimeni, attuale rettrice dell’Università La Sapienza di Roma, la prima donna nella storia dell’ateneo a ricoprire questo ruolo, è in lizza per diventare titolare del dicastero dell’Istruzione. Nelle ultime ore, se l’ipotesi Malaschini sembra tramontare, spunta un nome nuovo: Cristina Messa, già rettrice dell’Università Bicocca di Milano.

Ad ogni modo, Mario Draghi ha fatto intendere che la scuola sarà fra i temi centrali della propria agenda: nell’immediato bisogna rivedere il calendario scolastico, avrebbe detto il nuovo premier durante le consultazioni dell’8 febbraio. Non solo: bisogna assumere i docenti e averli in cattedra per il 1° settembre.

Nuovo Governo: scuole aperte in estate per recupero apprendimenti, più docenti, tutti in cattedra a settembre, lotta all’abbandono. Le reazioni

Oggi è previsto il secondo giorno di nuove consultazioni: nelle prossime ore, i nodi verranno sbrogliati e il presidente incaricato potrebbe portare già domani mattina la lista dei Ministri sul tavolo di Sergio Mattarella.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur