Nuovo governo, Berlusconi vuole Ronzulli all’Istruzione: “Non c’è altra miglior collocazione per lei”

WhatsApp
Telegram

Concluse le elezioni, è già scattato il toto-ministri. Ne sentiremo di tutti i colori in questi giorni. Al momento pare che sia una lotta tra Lega e Forza Italia per il dicastero dell’Istruzione visto che Fratelli d’Italia pare disinteressata.

Secondo quanto segnala La Repubblica, fuga in avanti di Silvio Berlusconi, reduce da un discreto risultato elettorale: Forza Italia non è più quella di un tempo, ma i voti forzisti risulteranno decisivi per la tenuta della maggioranza. Berlusconi, dunque, vuol passare all’incasso, ma difficilmente potrà avere più di un dicastero chiave. Avanza l’ipotesi Tajani agli Esteri o alla Camera, mentre per gli Affari Europei Forza Italia avanzerebbe la candidatura di Annamaria Bernini.

Forza Italia in pressing per l’Istruzione

Silvio Berlusconi non vuole per sé né la presidenza del Senato né incarichi di governo: l’età e le sue condizioni di salute gli precludono impegni particolarmente gravosi. L’ex premier, però, secondo indiscrezioni punterebbe anche sull’Istruzione. Lì sarebbe un derby o quasi. In prima fila Licia Ronzulli, fedelissima berlusconiana, già presidente della commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza. In campo anche Valentina Aprea, responsabile Scuola di Forza Italia e dirigente scolastica. Su Ronzulli, però, ci sarebbe anche il favore della Lega di Matteo Salvini, magari in ticket con Mario Pittoni e Rossano Sasso (uno dei due potrebbe essere vice-ministro o sottosegretario).

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur