Nuovo DPCM, venerdì monitoraggio sui contagi e riunione chiave del Comitato Tecnico Scientifico

Stampa

Si avvicina la scadenza del DPCM del 6 novembre e il governo è all’opera per valutare le nuove misure che accompagneranno gli italiani durante le festività di fine anno. I contagi calano, ma la pressione sugli ospedali è ancora alta.

Nel pomeriggio sono previsti due incontri: il primo tra il premier Conte e i capidelegazione della maggioranza nel governo (Dario Franceschini, Roberto Speranza, Teresa Bellanova, Alfonso Bonafede e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro), il secondo, a seguire, convocato dal ministro dagli Affari Regionali, Boccia, con gli enti locali. Presenti il ministro della Salute, Speranza, il commissario straordinario, Arcuri e il capo della Protezione Civile, Borrelli.

Si farà il punto sulle misure da adottare, ma per avere delle valutazioni più definite riguardo il prossimo DPCM (potrebbero pure vararne due, uno ad hoc proprio per le feste natalizie), bisognerà attendere venerdì 27 novembre, quando, dopo la riunione della cabina di regia, ci sarà l’atteso vertice del Comitato Tecnico Scientifico con la valutazione dei dati sull’andamento della situazione epidemiologica (il report viene pubblicato ogni venerdì).

Nelle prossime ore, dunque, sono attese novità anche per quanto riguarda la suddivisione dell’Italia in zone, con Lombardia e Piemonte che potrebbero passare da quella rossa a quella arancione con conseguente allentamento di regole e misure.

Sul fronte scuola, come riferiamo a parte, il ministro della Salute, Roberto Speranza, è stato chiaro: “Le scuole saranno al centro dell’attenzione del Governo, la valutazione si fa sulla base dei dati epidemiologici, venerdì ci sarà il report e aspettiamo di vedere i dati per le successive valutazioni sulla riapertura delle scuole superiori” .

Rientro a scuola dopo il “ponte dell’Immacolata”, graduale e simbolico. Forse solo prime e quinte classi o pochi alunni per volta. Le ipotesi

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur