Nuovo DPCM, per l’Università esami e lauree potrebbero svolgersi in presenza

Stampa

La novità della bozza del prossimo Dpcm prevede che esami e sedute di laurea all’università possano svolgersi in presenza.

Tornano le lauree in presenza e potranno svolgersi in presenza gli esami, oltre alle lezioni solo per un ridotto numero di studenti e per le matricole: è quanto previsto dalla bozza del nuovo Dpcm, che sarà pubblicato nelle prossime ore. 

Il testo provvisorio riporta infatti: “possono svolgersi in presenza le sole attività formative degli insegnamenti relativi al primo anno dei corsi di studio ovvero rivolte a classi con ridotto numero di studenti, quelle dei laboratori, nonché le altre attività curriculari, anche non relative agli insegnamenti del primo anno, quali esami, prove e sedute di laurea, nel rispetto delle linee guida del Ministero dell’università e della ricerca”.

Ne consegue che, dopo mesi di sedute online, gli studenti universitari che dovranno conseguire la laurea in questo periodo, potrebbero svolgerla in presenza. Stesso discorso per gli esami.

BOZZA [PDF]

Nuovo DPCM: le superiori rientreranno a gennaio con il 50% di DaD. Confermato stop al concorso straordinario. BOZZA [PDF]

Stampa

Tfa sostegno VI ciclo: cosa studiare? Parliamone con gli esperti il 29 luglio