Nuovo DPCM, l’ira di Decaro (ANCI): “Si chiudono le scuole, si aprono i bar. Così non va”

Stampa

“Con una mano si chiudono le scuole e con l’altra si elimina il divieto di asporto per tutti dopo le 18, favorendo così di fatto gli assembramenti nei luoghi della movida e nei pressi di bar e locali frequentati per lo più dai ragazzi”.  

Così il presidente dell’Anci Antonio Decaro.

“Se si consente l’asporto di bevande e drink si favoriscono gli assembramenti. Lo abbiamo detto e ripetuto al precedente governo così come all’attuale. Anche oggi. Le uniche misure di restrizione sembrano riguardare le lezioni in presenza. Così non va”.

ISCRIVITI al canale You Tube di Orizzonte Scuola

NUOVO DPCM (TESTO UFFICIALE)

ALLEGATI

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur