Nuovo Dpcm, ipotesi smart working rafforzato per limitare circolazione persone. Anche il personale Ata?

Stampa

Rafforzare le prescrizioni che riguardano lo smart working in modo che tutti coloro che possono lavorare da remoto evitino di raggiungere uffici e posti di lavoro.

Sarebbe questa una delle ipotesi, anticipata da Ansa, alla quale starebbe lavorando il governo in vista del nuovo Dpcm. L’obiettivo è ridurre i contatti tra le persone ma anche di limitare la circolazione, senza tuttavia interrompere le attività lavorative.

Resta da capire se la misura, qualora venisse confermata, riguarderà anche la scuola. In tal caso sarebbe soprattutto il personale Ata ad esserne interessato, esclusi per ovvi motivi i collaboratori scolastici, le cui mansioni non permetterebbero il lavoro a distanza.

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa