Covid-19, cinque regioni in zona arancione dal 10 gennaio. Gli ultimi aggiornamenti

Stampa

Il prossimo weekend sarà da zona arancione (9-10 gennaio), ma a partire da lunedì 11 la situazione cambia.

Zona arancione per Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto. Lo prevede una nuova ordinanza che sarà firmata in serata dal ministro della Salute Roberto Speranza e andrà in vigore a partire da domenica 10 gennaio. Lo sottolinea in una nota il ministero della Salute. La nuova ordinanza sarà valida fino a venerdì 15 gennaio, data in cui scadrà il DPCM. Con il nuovo DPCM verranno valutate eventuali proroghe, fa sapere il ministero della Salute.

L’ordinanza arriverà sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia.

Covid-19, monitoraggio ISS. Brusaferro: “Riapertura scuole in funzione dell’andamento dell’epidemia”

Covid-19, Speranza firma ordinanza, 5 regioni in zona arancione: “Virus circola, livello massimo di attenzione”

Riapertura scuole, le Regioni divise: tutte le date disponibili [Pagina in aggiornamento]

Ricordiamo che con un indice di contagio RT sotto quota 1.00 si è in fascia gialla, con un indice di contagio sopra 1.00 si è in zona arancione, infine con un indice di contagio sopra 1.25 si è in zona rossa.

Per quanto riguarda la scuola, ecco la fotografia della situazione allo stato attuale. Con la zona gialla: scuole superiori aperte al 50% salvo diversa indicazione delle singole Regioni. Con la zona arancione la stessa cosa, mentre in zona rossa le scuole superiori sono in didattica a distanza e probabilmente sarà così anche per la seconda e terza media salvo, ovvimente, diverse indicazioni degli enti regionali.

Sarà confermato il divieto di uscire di casa dalle 22 alle 5, se non per ragioni di lavoro, necessità e salute.

Nuovo Decreto, ecco le regole sugli spostamenti fino al 15 gennaio. FAQ ufficiali

Nuovo decreto, ecco le FAQ aggiornate del governo valide fino al 10 gennaio

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur