Nuovo contratto scuola, che fine ha fatto? Anquap punta il dito contro Bianchi: “Ritardo inaccettabile”

WhatsApp
Telegram

Lo scorso 1° febbraio, le organizzazioni sindacali hanno incontrato il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi per l’atto di indirizzo propedeutico al rinnovo contrattuale. Tuttavia, ad oggi, un mese dopo l’incontro, non si hanno novità sulla trattativa all’Aran. Anquap non ci sta e scarica le responsabilità di tale ritardo sul Ministro Bianchi.

Che fine ha fatto il rinnovo contrattuale dell’Istruzione e la Ricerca? E’ scaduto da 38 mesi e il nuovo, che sarebbe già scaduto da due, non è ancora in pista. Questo ritardo, ingiustificato e ingiustificabile, è solo colpa del Ministro”, tuona in un nota il presidente dell’Anquap, l’Associazione Nazionale Quadri delle Pubbliche Amministrazioni, Giorgio Germani.

L’Aran – continua Germani – non è nelle condizioni di aprire le trattative con i sindacati, perché a oggi, non ha ancora ricevuto l’atto di indirizzo previsto per legge. Tutto questo è inaccettabile, calpesta i diritti di oltre un milione di dipendenti pubblici e dimostra l’inconsistenza e l’inadeguatezza di chi governa e gestisce il dicastero di viale Trastevere. Se il Ministro c’è, batta un colpo”.

Punti di riferimento del documento che Bianchi ha presentato ai sindacati, spiega il Ministero dell’Istruzione, che sta alla base del rinnovo contrattuale, come previsto dal decreto legislativo 165 del 2001 (Testo Unico sul pubblico impiego), sono il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il Patto per la scuola, l’atto di indirizzo quadro per i rinnovi contrattuali delle pubbliche amministrazioni per il triennio 2019-2021.

Il vero problema, tuttavia, è rappresentato dalla risorse a disposizione, che restano insufficienti per le organizzazioni sindacali.

Ancora all’atto di indirizzo previsto dal Ministero mancano le cifre che però non sono un vero mistero: ci sarebbero attualmente 87 euro lordi compresi di elemento perequativo da 11,5 euro medi. Con l’aggiunta dei fondi della Legge di Bilancio si salirebbe a 100-105 euro lordi mensili.

Inoltre, con i 200 milioni di euro una tantum per il 2022, l’asticella degli aumenti medi lordi mensili sarebbe di 120-125, poi dal 2023 si arriverebbe a 100-105.

Contratto scuola, il rinnovo è in salita: risorse per 105 euro lordi di aumento. Sindacati chiedono interventi anche su carichi di lavoro, organici e formazione

Rinnovo contratto scuola, atto di indirizzo presentato ai sindacati. SCARICA BOZZA [PDF]

WhatsApp
Telegram

TFA SOSTEGNO VIII CICLO: Scegli il corso di preparazione di Eurosofia a cura del Prof. Ciracì e dell’Avv. Walter Miceli che prepara a tutte le prove