Nuovo concorso straordinario 2021, esclusi ancora una volta i docenti con servizio nelle scuole paritarie

Stampa

Il Decreto Sostegni bis, nella versione approdata in Aula alla Camera, introduce una importante novità per i docenti con servizio: l’ipotesi un nuovo concorso straordinario, sui posti vacanti e disponibili all’esito di tutte le procedure di immissione in ruolo docenti per l’anno scolastico 2021/22.

Nuovo concorso straordinario: su quali posti? per quali classi di concorso?

I posti dunque non sono quantificabili oggi. Bisognerà attendere il contingente autorizzato dal MEF per le immissioni in ruolo 2021/22 (il Ministero dell’istruzione chiede di coprire tutti i 112mila posti vacanti) e quindi quali (e se) rimarranno posti vacanti. Pertanto al momento non è possibile indicare con esattezza le classi di concorso, né se saranno coinvolte anche infanzia e primaria.

Questi posti residui verrebbero “congelati” e resi indisponibili per le operazioni di mobilità e immissioni in ruolo dell’anno scolastico 2022/23 ma destinati esclusivamente ai vincitori di questo nuovo concorso straordinario, nel limite dei posti disponibili.

I requisiti di accesso previsti dal Decreto Sostegni bis

Il requisito indicato nell’emendamento approvato in Commissione Bilancio e confluito nel testo approdato in Aula alla Camera prevede

  • almeno tre anni di servizio negli ultimi cinque anni (valutabili come tali ai sensi dell’art. 11 comma 14 della legge 3 maggio 1999 n. 124)
  • le annualità di servizio potranno anche non essere consecutive
  • almeno un anno di servizio dovrà essere specifico per la classe di concorso per cui si concorre
  • il servizio deve essere stato svolto esclusivamente nelle scuole statali

Esclusi ancora una volta i docenti con servizio nella scuola paritaria e IeFP

Non hanno mancato di far sentire la propria voce i docenti che vantano servizio nella scuola paritaria, ancora una volta esclusi, al pari di quanto accaduto con il concorso straordinario per la scuola secondaria di cui al DD n. 510 del 23 aprile 2020.

La risposta di  Rosa Maria Di Giorgi (PD), prima firmataria dell’emendamento, arriva attraverso FB

Conclusa una grande maratona. Approvato in Commissione oggi il Sostegni bis. Noi parlamentari che ci occupiamo di scuola abbiamo combattuto una lunga battaglia di settimane per dare opportunità ai precari e dare insegnanti di sostegno di ruolo ai nostri ragazzi. Purtroppo non hanno accolto la nostra proposta di inserire anche gli insegnanti della paritaria per motivi di copertura di bilancio.”

Decreto Sostegni bis, ecco il testo relativo alla scuola approdato in aula alla Camera [PDF]: dai concorsi straordinari agli ordinari, nuove assunzioni docenti sostegno e organico covid

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur