Nuovo concorso per insegnanti di religione, a Trento

di redazione
ipsef

Un ordine del giorno della giunta della Provincia Autonoma di Trento chiede di attivare iniziative per la stabilizzazione degli insegnanti precari di religione cattolica.

In provincia ci sono 200 insegnanti di religione in ruolo e una trentina a tempo determinato; l’ultimo concorso è stato bandito nel 2013, con alcuni vincitori idonei e altri che non lo hanno superato. Sono 30 i precari da stabilizzare.

Per coprire anche gli spezzoni orari servono 15 posti da mettere a corso-concorso, saturando in tal modo tutti i posti disponibili nei prossimi tre anni.

L’insegnamento della religione cattolica è impartito da insegnanti in possesso di idoneità riconosciuta dall’ordinario diocesano e da esso non revocata. I docenti vengono nominati, d’intesa con l’ordinario diocesano, dalle competenti autorità scolastiche.

Versione stampabile
anief
soloformazione