Nuovo concorso docenti 2023, graduatoria finale sarà unica. Eliminata precedenza per gli abilitati (tra cui vincitori concorso 2020)

WhatsApp
Telegram

Il nuovo concorso per la scuola secondaria dovrebbe essere bandito a breve. Pronto anche il DPCM per l’integrazione dei posti, che diventeranno (insieme a infanzia/primaria) circa 45.000, da distribuire tra le varie classi di concorso e regioni. Dal momento della pubblicazione del bando sul Portale Unico del Reclutamento, ci saranno 30 giorni di tempo per presentare la domanda.

Requisiti di accesso per la scuola secondaria (è sufficiente un requisito)

  • laurea coerente con la classe di concorso oggetto del concorso + abilitazione per la specifica classe di concorso oppure
  • tre anni di servizio negli ultimi cinque, entro il termine di presentazione della domanda, svolti presso le scuole statali, anche non continuativi, di cui almeno uno specifico oppure
  • laurea coerente con la classe di concorso oggetto del concorso + 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022 Per i 24 CFU bisognerà indicare data di conseguimento

Gli ITP (tabella B del DPR 19/2016) possono accedere con

  • laurea di primo livello + abilitazione oppure
  • diploma di accesso alla classe di concorso (il requisito sarà in vigore fino al 31 dicembre 2024). COME SI SVOLGE IL CONCORSO PER ITP

Concorso docenti, 6 lezioni LIVE per superare la prova scritta. Analizzeremo 400 test tra metodologia, pedagogia, informatica e inglese.

Per i posti di sostegno 

diploma di specializzazione conseguito ai sensi del DM n. 249/2010 per il grado richiesto (il titolo deve essere in possesso entro la scadenza per la presentazione della domanda; è previsto l’inserimento con riserva per chi ha conseguito il titolo estero ed entro la data di scadenza del bando ha presentato la domanda di riconoscimento).

Vuoi prepararti con noi? 

Concorso docenti straordinario per i posti di sostegno: corso di preparazione con simulatore per la prova scritta – scuola secondaria di primo e secondo grado

Prove veloci

La prova scritta per la scuola secondaria sarà unica per posto comune e sostegno. Ecco come si svolgerà

Accede alla prova orale chi supera la prova scritta con almeno 70/100.

Anche la prova orale potrebbe essere abbastanza veloce, se il compenso alle commissioni sarà legato allo svolgimento di un determinato numero di sessioni in quattro mesi. I dettagli, anche se manca ancora il decreto

Supera la prova orale il candidato che consegue un punteggio di almeno 70/100 (con regole specifiche qualora sia prevista anche la prova pratica).

La velocità sarà determinata anche dalla necessità di far partire il secondo concorso della fase straordinaria, in cui ai candidati del primo  concorso si aggiungeranno i candidati che nel frattempo avranno conseguito 30 dei 60 CFU necessari per l’abilitazione.

Ed ecco la graduatoria

La graduatoria sarà composta dai candidati che avranno superato le prove previste e, in base ai punteggi delle prove + quello della valutazione titoli, si collocheranno nel numero dei posti a bando per la classe di concorso in oggetto nella regione scelta. Eventuali integrazioni saranno possibili solo per coprire i posti vuoti per rinunce dei vincitori.

La graduatoria è unica, comprensiva sia di candidati abilitati che non.

Il decreto PA BIS trasformato nella legge n. 112 del 10 agosto 2023 infatti  ha eliminato la distinzione tra candidati con abilitazione e candidati senza abilitazione, inizialmente prevista dal DL 36/2022.

Vi erano infatti due graduatorie, delle quali quella dei candidati vincitori con abilitazione avrebbe avuto la precedenza.

Risposte ai quesiti

Una nostra lettrice, presente nella graduatoria del concorso 2020 e prossima candidata al concorso 2023 ci chiede

Sono una docente in graduatoria abilitata con il secondo STEM in A028 volevo sapere, se verranno considerati dei punti aggiuntivi nella valutazione titoli del nuovo concorso PNRR per chi è già in possesso di abilitazione conseguita con concorso ordinario. Inoltre penso che, come per chi ha 3 anni di servizio ma non ha abilitazione, dovrebbe esserci una riserva posti anche per noi che già siamo abilitati e che a causa dei recenti cambiamenti ci vediamo costretti ad affrontare un nuovo concorso per la stessa materia per non passare in coda. Attendo una vostra gentile risposta.

La tabella di valutazione titoli del nuovo concorso 2023 non è stata ancora diffusa, ma se facciamo riferimento a quella del concorso 2020 era previsto. Per lo specifico punteggio meglio attendere la nuova tabella.

Per quanto riguarda la riserva, non è prevista.  Anzi, è stata stralciata dal provvedimento originario quel “vantaggio ” per i docenti che accedevano con abilitazione e la graduatoria finale sarà unica.

Le riserve previste riguardano i docenti beneficiari della legge ex 68/99 e i candidati che superano le prove e hanno tre anni di servizio anche non consecutivi negli ultimi dieci nelle scuole statali di cui uno specifico.

I docenti del concorso ordinario hanno però guadagnato la trasformazione della loro graduatoria ad esaurimento, pertanto essa sarà valida fino all’assunzione di ciascuno dei vincitori e idonei.

L’altro aspetto da considerare è quello di poter essere assunti direttamente a tempo indeterminato, senza CFU da acquisire.

Docente abilitato da concorso 2020 può partecipare a concorso 2023 ed essere in ruolo già da settembre 2024, non deve conseguire CFU

È possibile inviare un quesito all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali)

Concorso docenti, 6 lezioni LIVE per superare la prova scritta. Analizzeremo 400 test tra metodologia, pedagogia, informatica e inglese

WhatsApp
Telegram

TFA SOSTEGNO IX CICLO 2024. Hai i requisiti per accedere? Inizia subito a prepararti con la metodologia vincente di Eurosofia