Nuovo blocco degli scatti stipendiali? Angeletti, UIL: PA usata dai politici per motivi di consenso

Di
WhatsApp
Telegram

Per il segretario della UIL, Angeletti, il nuovo blocco dei contratti paventato dal DEF sarebbe scandaloso, "una cosa inaccettabile che i dipendenti pubblici non abbiano aumenti contrattuali di alcuna natura", con i contratti già "bloccati sino al 2017"

Per il segretario della UIL, Angeletti, il nuovo blocco dei contratti paventato dal DEF sarebbe scandaloso, "una cosa inaccettabile che i dipendenti pubblici non abbiano aumenti contrattuali di alcuna natura", con i contratti già "bloccati sino al 2017"

Le parole sono riportate da un intervento del segretario a "Prima di tutto" su Radio1

 "Renzi sostiene con vigore la lotta alla burocrazia? Benissimo – ha proseguito Angeletti – la lotta alla burocrazia significa lotta a leggi, regolamenti, normative che vengono date ai dirigenti che gestiscono la pubblica amministrazione, con un certo potere decisionale, non certo agli impiegati, ai dipendenti. Quindi occorre semplificare, non prendersela con gli impiegati, che non c’entrano nulla".

Qual è il problema? Secondo il segretario "la pubblica amministrazione in Italia è retta, governata ovunque dalla politica. Non esiste una Pa dove al vertice non ci sia un politico. E viene usata esclusivamente per motivi di consenso, senza preoccuparsi della quantità e della qualità dei servizi da erogare ai cittadini, che diventa una questione secondaria".

Invece è "su questo punto che bisogna lavorare, sulla qualità dei servizi prodotti; e a quel punto la gente che lavora bene va pagata".

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur