Nuovi quadri orario professionali, cosa significa dicitura “ad esaurimento”. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Prof.ssa Francesca Serafini – OGGETTO: Made in Italy Nuovi Quadri orario Professionali…quella dicitura a esaurimento che pochi comprendono.

Il Made in Italy è sempre di gran moda così come le nostre leggi che solo il caro dottor Azzecca Garbugli potrebbe forse capire, al prezzo di tre bei capponi, preferibilmente preparati saggiamente da Antonino Cannavacciulo che con una bella pacca sulla spalla ti dice “ma Serafì cosa ci vuoi fare si ad esauriment vattin a casa” – mi scuso con i napoletani per aver imitato maldestramente il loro dialetto…

Ma dico, mai una volta che nelle note esplicative qualcuno si prenda la briga di scrivere effettivamente cosa vuol dire questa dicitura??

Così giusto per dire una volta per tutte ai nostri beneamini (come i cantanti) Dirigenti Scolastici, che ormai da anni inseguiamo per i corridoi cercando di farci ben volere, che questo non significa eliminare una “categoria” di docenti ma semplicemente TUTELARE TUTTI GLI ATTUALI DOCENTI PRESENTI IN OGNI GRADUATORIA DI OGNI DOVE PER QUESTA CLASSE DI CONCORSO!

E non stappare bottiglie di champagne ogni volta che un docente della classe di concorso A66 va in pensione e stendere il tappeto rosso ai docenti della 41.

Lo sanno che il programma che svolge e svolgerebbe in queste scuole un docente laureato è IDENTICO A QUELLO CHE SVOLGEREMMO NOI?

Lo sanno che forse noi lo faremmo ancora meglio perché ci siamo ABILITATI proprio in questa disciplina specifica?

Ma poi, non so quanti siano esattamente, ma lo stesso MIUR oggi ammette al NUOVO CONCORSO DOCENTI DELLA 66, per aver sempre sbagliato nel giudicare un diploma (sempre colpa/beneficio di leggi scritte sui diplomi, che neanche lui comprende) no perché qui sembra di vivere su un pianeta non in Italia, ci sono dirigenti che quando gli si pone questa domanda rispondono “E’ UN CAOS …E’ UN CAOS” …

Quindi eccomi, mi ergo a paladina della giustizia a spiegarlo finalmente a tutti: “ Signore della Corte, Signori, Docenti tutti, Dirigenti, Sindacalisti, “sapevatelo” (per dirlo alla Guzzanti): (..) l’esaurimento non riguarda solo il pensionamento degli attuali titolari, ma anche l’assunzione in ruolo per tutti coloro che sono inseriti nelle graduatorie ad esaurimento…ad esaurimento dei titolari e fino alla nomina a tempo indeterminato degli inclusi (..) quindi fino a che non si esauriranno completamente le graduatorie ad esaurimento per quella provincia, si dovrà garantire per quella provincia l’insegnamento in quella scuola per la classe di concorso in questione(…)

E’ tutto qui in queste poche righe, nero su bianco, Bianco su Nero, e poi verde come la speranza e rosso…rosso come il colore del cuore e della passione con cui ogni giorno insegniamo la Nostra materia!

Versione stampabile
anief anief
soloformazione