Nuovi concorsi docenti, Anief: no e neanche grazie. Negli ultimi anni 5 procedure e il numero dei precari è raddoppiato

WhatsApp
Telegram

Nuovi concorsi docenti? “No e neanche grazie, si sono dimostrati inutili e non risolutivi. Si ritorni al doppio canale con l’utilizzo delle GPS. Questa la risposta, a caldo, secca, durante il confronto sul reclutamento degli insegnanti della delegazione”: così Marcello Pacifico, presidente Anief, su Facebook.

Dal 2015 ad oggi – spiega il sindacalista -, ci sono state ben cinque procedure concorsuali straordinarie e riservate e il numero dei precari è raddoppiato. Per questo abbiamo detto no come Anief a nuovi concorsi per i precari“.

Per questo, “bisogna ritornare alla logica del vecchio doppio canale di reclutamento, con l’utilizzo laddove le GAE sono esaurite delle GPS di 1a e 2a fascia. Soltanto così si può rispondere all’esigenza di avere tutti gli insegnanti in cattedra e coprire le 70mila immissioni in ruolo promesse a Bruxelles“.

Stiamo lavorando – dichiara Pacifico- con Ufficio legislativo Anief a una proposta che risponda ai rilievi di European Union sulla necessità di orientare le risorse del PNRR a una specifica formazione iniziale, alla procedura di infrazione attivata da European commission e alla denuncia di Anief accolta dalle istituzioni europee (Comitato europeo dei diritti sociali e Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa) sull’abuso dei contratti a termine da parte dello Stato italiano nei confronti del personale docente“.

Concorsi in primavera per precari con 24 CFU e tre anni di servizio. Assunzioni specializzati sostegno entro il 30 giugno. La proposta del Ministero

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Segui un metodo vincente. Non perderti la diretta di oggi su: “Intelligenza emotiva, creatività e pensiero divergente”