Nuove regole quarantena scuola, Giannelli (ANP): “C’è una semplificazione. Ma ancora carico di lavoro incombe nelle scuole”

WhatsApp
Telegram

Le misure anti covid per la scuola, discusse oggi in Cdm “vanno nella direzione giusta. Sicuramente c’è una semplificazione ma è evidente che si debba ancora intervenire per alleggerire al massimo il carico di lavoro burocratico che incombe nelle scuole”.

Lo dice all’Adnkronos il presidente dell’Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli che osserva: “La dad dura meno e i tamponi, che erano una delle principali cause di malfunzionamento del servizio scolastico a causa delle Asl, sono stati eliminati“.

E la previsione del test antigenico fai da te? “Comunque è una agevolazione. Confidiamo nel senso di responsabilità di tutti sulla riproduzione fedele“, risponde Giannelli.

La differenziazione di trattamento tra vaccinati e non vaccinati “è invece un problema. Me ne rendo conto. Ma al momento attuale non si poteva fare diversamente. Qualunque situazione crea svantaggi per qualcuno e credo che chi non si è vaccinato debba farlo“.

I genitori al secondo contagio potrebbero non mandare a scuola i figli anche se vaccinati perché temono il contagio? “Potrà accadere ma adesso la dad è limitata a 5 giorni e non più a dieci quindi il periodo si dimezza“.

DIRETTA | Nuove regole quarantena, DaD alla primaria per i non vaccinati da 5 casi in su, alla secondaria con 2 casi. SCARICA BOZZA DECRETO [PDF]

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur