Nuove regole quarantena, Sasso tuona: “Non discriminare tra vaccinati e non vaccinati. Diritto all’istruzione sia garantito”

WhatsApp
Telegram

“L’ipotesi di relegare in didattica a distanza esclusivamente gli studenti non vaccinati costituirebbe un vulnus inaccettabile al diritto allo studio e, di conseguenza, va assolutamente respinta al mittente”.

Lo dichiara Rossano Sassosottosegretario del ministero dell’Istruzione.

“Nella fascia di età tra 5 e 11 anni risulta immunizzato appena un terzo degli alunni, il che significherebbe tagliare fuori dalla comunità scolastica la stragrande maggioranza delle bambine e dei bambini, per scelte, va sottolineato, che non dipendono da loro ma dalle famiglie da cui provengono”.

E ancora: “La campagna vaccinale dei più piccoli è partita da troppo poco tempo e la copertura a livello nazionale è ancora molto parziale, quindi qualsiasi decisione va presa con estrema cautela. Giustissimo ricalibrare i protocolli su quarantene e Dad alla luce dell’evoluzione della pandemia, ma senza dividere gli studenti italiani tra buoni e cattivi a seconda dello stato vaccinale. La scuola – sottolinea Sasso ha da sempre nell’inclusione un tratto distintivo che va preservato anche in tempi complessi come quelli che stiamo vivendo. Negare un diritto a qualcuno non rafforza di certo i diritti degli altri”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023: requisiti di accesso e corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, offerta in scadenza