Nuove regole quarantena, Castaldini: “In Emilia Romagna subito circolare per specificare iter normativo”

WhatsApp
Telegram

“La Regione emani immediatamente una circolare a firma congiunta dell’assessorato alla Sanità e alla Scuola affinché si specifichi l’iter normativo dopo il nuovo decreto e si applichi per adeguare retroattivamente la normativa così da tornare il prima possibile, già in questi giorni, a scuola, senza dover aspettare la fine delle quarantene in essere”.

Così in una nota Valentina Castaldini, Consigliere regionale e capogruppo Forza Italia Emilia-Romagna

“In queste ore c’è un gran fermento tra i genitori e il mondo scolastico che si chiede cosa accadrà all’indomani del decreto-legge di ieri sera. Ecco, chiedo alla Regione nulla di più che emanare circolare congiunta dell’assessorato alla Salute e dell’Ufficio scolastico regionale con la quale specificare come i dirigenti scolastici debbano trattare i casi di studenti alla luce delle disposizioni modificate riguardanti la quarantena”.

Non solo e che agli studenti già oggi in quarantena per casi in ambito scolastico vengano modificate le disposizioni, adattandole alle nuove normative nel momento nel quale queste entrano in vigore e in particolare:

– chi, nella scuola materna e primaria, attualmente è in quarantena per meno di 5 casi in ambito scolastico, possa tornare a scuola a partire da lunedì 7 febbraio;

– chi, nella scuola materna e primaria, attualmente è in quarantena per più di 5 casi per 10 giorni, possa tornare, da lunedì 7 febbraio, in presenza dopo 5 giorni;

– chi nella scuola secondaria ha concluso il ciclo vaccinale o è guarito da meno di 120 giorni, possa tornare in presenza da lunedì 7 febbraio.

“Con la pandemia dovremo conviverci. È un paradigma che ultimamente torna spesso e i dati dei ricoveri ospedalieri, che finalmente, sembrano abbassare la curva ci fanno sperare che questa sia la strada. E lo dobbiamo fare, soprattutto in riferimento alla scuola perché garantire la scuola agli alunni in presenza da una parte è un forte incipit per le condizioni economiche in cui siamo in questo momento: genitori che possono andare a lavorare sono genitori che riattivano l’indotto economico che ha continui singhiozzi, e dall’altra parte è un segnale forte per l’emergenza sociale che dobbiamo affrontare, un appello che ha rivolto anche il presidente Sergio Mattarella la sera della sua rielezione”.

“Ma tra il dirlo e il farlo ci passa un mondo che al più presto ha bisogno di essere normalizzato dalle singole regioni. Per questo all’indomani della spiegazione del nuovo decreto del Consiglio dei ministri, in attesa dell’ufficializzazione con la. pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, chiedo alla Giunta Bonaccini – consapevoli di quanto possano essere lunghi gli iter per recepire le normative, e vedendo come sono andate le cose dallo scorso 10 gennaio – di provvedere già all’emanazione di una circolare che possa rendere operative le direttive del nuovo decreto. Da subito”.

“Non solo, ci sono molti alunni che sono attualmente sotto disposizione di quarantena per la vecchia normativa, che si possa per loro applicare allo stesso modo da subito la nuova normativa cosicché rientrino in classe senza aspettare cinque o dieci giorni”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur