Nuove classi di concorso scuola secondaria II grado, a che punto siamo?

Di Lalla
Stampa

Lalla – A poche settimane dall’avvio delle operazioni di mobilità per l’a.s. 2010/11, nulla ci è dato sapere sul destino delle classi di concorso delle scuole secondarie di II grado, nonostante le organizzazioni sindacali assicurino che i lavori proseguono con il loro massimo impegno.

Lalla – A poche settimane dall’avvio delle operazioni di mobilità per l’a.s. 2010/11, nulla ci è dato sapere sul destino delle classi di concorso delle scuole secondarie di II grado, nonostante le organizzazioni sindacali assicurino che i lavori proseguono con il loro massimo impegno.

L’ultima bozza del riordino delle classi di concorso risale al 30 settembre 2009

Ma da allora sembra siano cambiate molte cose, infatti i funzionari del ministero hanno trasmesso una nuova bozza ai sindacati, comprensiva dei rilievi mossi dal CNPI. L’apertura del tavolo ministero – sindacati per le nuova classi di concorso è stata annunciata per il 9 dicembre u.s., ma di questo incontro non si ha alcun riscontro da parte dei sindacati.

Non diciamo che sarebbe auspicabile conoscere la bozza di lavoro (troppa grazia, i docenti potrebbero diventare consapevoli del loro destino!), ma conoscere almeno gli esiti dell’incontro (se c’è stato), ci sembra il minimo. Invece nulla, i sindacati tacciono e le ipotesi fioccano:

Intanto lo Snals annuncia, tramite il vice segretario nazionale prof. Achille Massenti, il proprio impegno per ottenere la salvaguardia delle attuali titolarità indipendentemente dalla diversa attribuzione delle ore di insegnamento e l’entrata in vigore delle modifiche a partire dall’a.s. 2011/2012.

Le ipotesi proposte dal Ministero sono invece:

  • opzione fra gli insegnamenti tradizionali con una scelta più limitata e quelli relativi alle classi di concorso con ambiti allargati che consentiranno una più ampia scelta di insegnamenti e quindi di istituzioni scolastiche.
  • eventuali corsi di riconversione
  • possibilità di autoformazione

Possibilità che nei pensieri del ministero dovrebbero essere poste in pratica già dall’a.s. 2010/11, a partire dalle prime classi.

Ad oggi però non ci è dato sapere quali saranno le classi di concorso con il maggior numero di docenti soprannumerari (perchè di questo si parla)

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione