Nuova riforma scuola Salvini, no grazie. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

prof. Fabio Manzo – Gentile Dr. Salvini, Qualora formaste un vostro governo, lei sta presentando la figura del “professore responsabile” nella riforma dei cicli scolastici da voi proposta. Tale docente, per lo più di italiano, dovrebbe accompagnare i ragazzi dalle elementari alle medie.

La prima domanda che ci si pone è: La laurea in  lettere sarà abilitante anche per le scuole elementari? Inoltre, immagino che la laurea in Scienze della Formazione ed il diploma magistrale ante 2002 diventeranno abilitanti anche per l’insegnamento delle lettere nelle scuole medie! Tali insegnanti dovranno insegnare anche le scienze. Immagino, quindi, che nelle nuove lauree in Lettere saranno previsti esami di Biologia, Chimica, Scienze della Terra, Botanica, Anatomia Comparata, Anatomia umana, etc. Poveri laureandi in lettere… dovranno prendere due lauree in una!

Ciò immagino che varrà anche per i laureandi in Biologia e Biotecnologie… da scienziati diventeremo umanisti! Tra le domande ci si pone anche: ma se i docenti di lettere insegneranno italiano, storia, geografia e scienze, noi docenti di matematica e scienze che facciamo? Li guardiamo lavorare? Loro fanno 24 ore e noi 12?

Noi di matematica e scienze insegneremo solo la matematica anche alle scuole elementari? Non sapete che la didattica cambia a seconda del ciclo di studi? Avremo maestre specialiste in matematica che insegneranno anche alle scuole medie? Vi si chiede di ripensare alla vostra riforma dei cicli ed evitare un caos senza precedenti. La scuola ha bisogno di ritrovare stabilità, autorevolezza e rigore. Abbiamo bisogno di riprenderci dai tanti cambiamenti “negativi” avuti in questi anni. Non abbiamo bisogno di caos.

Salvini, pronta la riforma dei cicli scolastici: uniremo elementari e medie, introdurremo prof prevalente

Versione stampabile
anief
soloformazione