Nuove regole quarantena scuola, Sasso attacca: “Inaccettabile discriminazione fra studenti vaccinati e non. Provvedimento grave”

WhatsApp
Telegram

“Condivido la decisione dei ministri della Lega di disertare il voto che sancisce una inaccettabile discriminazione tra studenti vaccinati e non vaccinati in merito ai protocolli su quarantene e didattica a distanza. La soluzione proposta dal ministro Speranza rappresenta una grave mancanza di rispetto nei confronti della scuola, luogo per eccellenza di accoglienza e inclusione. Negare un diritto a qualcuno non rafforza di certo i diritti degli altri”.

Lo dichiara Rossano Sasso, sottosegretario del ministero dell’Istruzione.

 “Le famiglie chiedevano giustamente una rimodulazione dei parametri alla luce dell’evoluzione della pandemia e per alleggerire un carico già gravoso, ma si è scelto di percorrere una strada sbagliata”.

Basti pensare che nella fascia di età tra 5 e 11 anni risulta immunizzato appena un terzo degli alunni, visto che la campagna vaccinale è partita da poco tempo. Ciò significa tagliare fuori dalla comunità scolastica la stragrande maggioranza delle bambine e dei bambini, per decisioni, va sottolineato, che non dipendono da loro ma dalle famiglie da cui provengono. La gravità di questo provvedimento – conclude Sasso – è di tutta evidenza“.

DaD alla primaria per i non vaccinati da 5 casi in su, alla secondaria con 2 casi. Con positivi in classe obbligo di FFP2 per docenti e alunni

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur