Nuova legislatura al via, in Parlamento quasi il 9% è docente di scuola o di università

WhatsApp
Telegram

È il giorno dell’insediamento del nuovo Parlamento. Su La Repubblica focus sulla nuova rappresentanza parlamentare. Tra Palazzo Madama e Montecitorio siedono 20 docenti di scuola e 27 docenti universitari.

Carente, almeno in apparenza, è la preparazione linguistica dei parlamentari con più del 45% che non dichiara di parlare alcuna lingua oltre l’italiano: Forza Italia è il partito più carente con il 65,63%.

Per quanto riguarda le professioni, il puzzle che si compone risulta complesso. Sebbene oltre il 20% dei parlamentari sia avvocato (i più rappresentati in Fdi, Fi e M5s), sono più di 60 le professioni esercitate con più o meno continuità in Parlamento: quasi 50 sono docenti di scuola o di università.

La composizione del Parlamento

Su 400, sono 235 i seggi conquistati dal centrodestra alla Camera: 114 nel proporzionale e 121 nell’uninominale. La coalizione di centrosinistra avrà 80 seggi: 68 nel proporzionale e 12 nell’uninominale. Al Movimento 5 Stelle 51 seggi: 41 nel proporzionale e 10 nell’uninominale. Il Terzo Polo conquista 21 seggi, tutti nel plurinominale. Tre seggi vanno alla Südtiroler Volkspartei (1 nel proporzionale e 2 nell’uninominale), uno a “De Luca sindaco d’Italia” (nell’uninominale), uno per Valée D’Aoste (nell’uninominale).

A questi si aggiungono gli 8 deputati eletti all’estero: 4 per il Pd, 2 per la Lega e uno ciascuno per Maie e Movimento 5 Stelle. Per quanto riguarda il Senato, su 200 seggi sono 115 i candidati del centrodestra eletti (56 nel proporzionale e 59 nell’uninominale), 41 quelli del centrosinistra (34 nel proporzionale e 7 nell’uninominale), 28 del M5S (23 nel proporzionale e 5 nell’uninominale), 9 di Azione-Italia Viva (nel proporzionale), 2 per Svp (nell’uninominale), 1 per “De Luca sindaco d’Italia” (nell’uninominale). A questi si aggiungono 4 senatori eletti nelle liste Estero: 3 del Pd e 1 del Movimento associativo italiani all’estero-Maie.

Al Senato, nel proporzionale per il centrodestra sono stati eletti 56 candidati: 34 di FdI, 13 della Lega, 9 di Fi. Per il centrosinistra, dei 34 eletti nella quota proporzionale ci sono 31 del Pd e 3 dell’Alleanza Verdi-Sinistra. Nel M5S sono 23 gli eletti nel proporzionale. Per Azione-Italia Viva tutti i 9 senatori sono stati eletti nel proporzionale.

La Repubblica 

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur