Nuova assunzione diplomati magistrale già in ruolo da GaE: tutte le info

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Assunzioni a.s. 2019/20: una casistica molto frequente è quella della nuova immissione in ruolo da concorso straordinario per docente già assunta in ruolo con riserva dalla GaE.

Una nostra lettrice chiede

Sono un’insegnante di scuola primaria in ruolo dal 2014 con titolarità  in Lombardia. Quest’anno ho ottenuto il passaggio da posto comune a sostegno, sempre in Lombardia, ed ho partecipato al concorso straordinario a posti di sostegno per la scuola primaria nella regione Sicilia. 

Volevo, gentilmente, avere dei chiarimenti in merito ad una nuova immissione in ruolo su sostegno sempre nello stesso ordine di scuola :

  • può essere congelato il vecchio ruolo o è necessario licenziarsi per accedere al nuovo ruolo? 

La normativa non prevede la possibilità di congelare il ruolo. Ne abbiamo parlato in Assunzioni 2019: docenti di ruolo che accettano una nomina, nessuna possibilità di congelare il “vecchio”ruolo – Tecnicamente non si tratta di presentare lettera di licenziamento. Una volta accettata la nomina, con la presa di servizio del 2 settembre si decadrà automaticamente dal “vecchio” ruolo e si assumerà effettivo servizio, giuridico ed economico, in quello nuovo. Il tutto sarà gestito dalla segreteria tramite il sistema informatico SIDI.

  • quali diritti a livello giuridico, economico e… si perdono /mantengono? 

Non si perde nulla. La nuova assunzione non interrompe in nessun caso la carriera del docente finora svolta, nel senso che tutti gli anni di ruolo già prestati nel proprio ruolo di appartenenza non si “perdono”, come appunto non si “perdono” nei casi dei trasferimenti, passaggi di cattedra e/o di ruolo.

A seconda delle diverse situazioni si dovrà poi procedere ad un eventuale nuovo inquadramento (es. nei casi in cui sono paragonati ai passaggi di ruolo), ma gli anni precedenti prestati valgono a tutti gli effetti.

  • si deve rifare l’anno di prova? 

Ne abbiamo parlato qui Assunzioni in ruolo 2019 da concorso: chi non deve ripetere l’anno di prova

  • quali vincoli sulla mobilità (trasferimento, assegnazione provvisoria)?

Quelli derivante da una normale immissione in ruolo, come se si fosse immessi in ruolo per la prima volta.

  • a seguito di una nuova immissione in ruolo e dell’ottenuta assegnazione provvisoria per l’a. s. 2019/2020, è possibile rimanere nella scuola assegnata dall’AP?

La risposta è negativa, in quanto l’assegnazione provvisoria è derivata dalla precedente titolarità, che il 2 settembre non ci sarà più e in quanto neoimmessi in ruolo nell’a.s. 2019/20 non è possibile usufruire dell’assegnazione provvisoria.

Al contrario in questo caso è possibile usufruire dell’utilizzo nella stessa scuola dello scorso anno scolastico, secondo l’accordo integrativo siglato a livello nazionale il 12 luglio scorso. Diplomati magistrale assunti da concorso straordinario, come chiedere di restare nella stessa scuola

Ti invitiamo a leggere anche Diplomati magistrale Lombardia, accordo nazionale utilizzo stessa scuola. Precisazioni UIL

Secondo la nota diramata dall’USR Lombardia dalla richiesta di utilizzo sarebbero esclusi i docenti che hanno ottenuto una nuova sede, in seguito alla mobilità dell’a.s. 2019/20.

Il diritto invece è per tutti i diplomati magistrale, perché l’utilizzo è possibilità legata all’accettazione dal concorso. In questo caso infatti decade automaticamente il trasferimento ottenuto.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione