Nucleo Interno di Valutazione, funzione e decreto di nomina da scaricare gratuitamente

Il Nucleo Interno di Valutazione svolge un ruolo insostituibile nella scuola. Il D.P.R. n. 80/2013 recante il ‘’Regolamento sul sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione’’ all’articolo 6 prevede “il procedimento di valutazione delle istituzioni scolastiche si sviluppa, in modo da valorizzare il ruolo delle scuole nel processo di autovalutazione, sulla base dei protocolli di valutazione e delle scadenze temporali stabilite”

Precisa che “a decorrere dall’anno 2013: a) autovalutazione delle istituzioni scolastiche: 1) analisi e verifica del proprio servizio sulla base dei dati resi disponibili dal sistema informativo del Ministero, delle rilevazioni sugli apprendimenti e delle elaborazioni sul valore aggiunto restituite dall’Invalsi, oltre a ulteriori elementi significativi integrati dalla stessa scuola; 2) elaborazione di un rapporto di autovalutazione in formato elettronico, secondo un quadro di riferimento predisposto dall’Invalsi, e formulazione di un piano di miglioramento; b) valutazione esterna: 1) individuazione da parte dell’Invalsi delle situazioni da sottoporre a verifica, sulla base di indicatori di efficienza ed efficacia previamente definiti dall’Invalsi medesimo; 2) visite dei nuclei di cui al comma 2, secondo il programma e i protocolli di valutazione adottati dalla conferenza ai sensi dell’articolo 2, comma 5; 3) ridefinizione da parte delle istituzioni scolastiche dei piani di miglioramento in base agli esiti dell’analisi effettuata dai nuclei; c) azioni di miglioramento: 1) definizione e attuazione da parte delle istituzioni scolastiche degli interventi migliorativi anche con il supporto dell’Indire o attraverso la collaborazione con università, enti di ricerca, associazioni professionali e culturali”.

Funzioni del NIV

Al NIV sono da attribuire funzioni rilevanti in ordine ai processi di autovalutazione dell’Istituzione Scolastica, alla compilazione del R.A.V., alla programmazione delle azioni di miglioramento della scuola.

Il Nucleo Interno di Valutazione, a tal riguardo, si occupa, tra l’altro:

dell’attuazione e/o del coordinamento delle azioni previste dal PDM e del monitoraggio in itinere al fine di attivare le necessarie azioni preventive e/o correttive;

dell’autovalutazione di Istituto;

della stesura e/o aggiornamento del RAV.

I Nuclei di valutazione si sono occupati, all’ interno di ciascuna scuola, di elaborare il Rapporto di Autovalutazione, lo strumento che costituisce la base per individuare le priorità di sviluppo verso cui orientare il piano di miglioramento, che si configura come un percorso mirato all’individuazione di una linea strategica, di un processo di pianificazione che le scuole mettono in atto sulla base di priorità e traguardi individuati nella sezione 5 del RAV.

Costituzione

Il Nucleo Interno di Valutazione (NIV) costituito ai sensi di legge ha una composizione variabile da istituto a istituto prevedendo ogni tipo di composizione possibile e numericamente possibile.

I membri della componente docente sono designati tenendo conto dell’esperienza e delle competenze nel settore della valutazione.

Compiti

Il NIV, ai sensi di legge, ha il compito di contribuire a facilitare l’elaborazione del Piano di Miglioramento (PdM).

Per la realizzazione dei propri compiti, il NIV si avvale:

1. Del RAV d’Istituto;

2. Dei dati presenti in “Scuola in chiaro” che consentono un raffronto a livello provinciale rispetto a contesto, risorse, processi e risultati dell’Istituzione scolastica;

3. Di propri indicatori adeguati, al fine di monitorare e valutare gli aspetti specifici del progetto di istituto.

In particolare, il NIV adotta un sistema di valutazione interna riferita:

a) Al giudizio espresso dalla componente genitori, alunni (speriamo anche i piccolissimi, più in grado di quanto immaginiamo di esprimere giudizi), docenti ed ATA, mediante la somministrazione di questionari di percezione al grado di benessere scolastico rilevato e alla qualità del clima scolastico e organizzativo;

b) Ai risultati ottenuti dagli studenti attraverso prove standardizzate, prove comuni adottate dai Dipartimenti nelle diverse aree di apprendimento, risultati degli esami di stato, agli esiti in uscita dalla scuola secondaria o altre modalità di verifica delle competenze acquisite;

c) Ai risultati osservabili nella realizzazione di specifici progetti, con particolare riguardo alle iniziative prioritarie e agli interventi di maggiore peso rispetto al bilancio dell’Istituto.

Modalità di funzionamento

All’inizio di ciascun anno scolastico il NIV:

a) È convocato in prima seduta dal Dirigente per insediarsi

b) Definisce il calendario e le modalità di lavoro per l’anno scolastico in corso;

c) Nel corso dell’anno scolastico, provvede alla raccolta sistematica dei dati utili per la analisi dei processi e dei risultati, con particolare riferimento all’area didattico-educativa;

d) Al termine di ciascun anno scolastico, provvede alla consegna dei dati per l’elaborazione e la definizione del RAV.

Presidenza del Comitato

La funzione di presidenza del NIV è affidata al Dirigente Scolastico.

Il Presidente può, per motivi di urgenza, convocare il NIV.

Per la validità della riunione non è richiesta la presenza della maggioranza dei componenti.

Scarica decreto di nomina

Segui il nuovo ciclo formativo Eurosofia: “Educazione civica, cittadinanza attiva e cultura della sostenibilità a scuola”