Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Nucleare, risorsa o minaccia? Una Unità di Apprendimento per secondaria

Stampa

Aumentare la consapevolezza sugli effetti dei test globali sulle armi nucleari è, ancora oggi, di fondamentale importanza.Nei cinque decenni tra il 1945 e il 1996, sono stati effettuati oltre 2.000 test nucleari in tutto il mondo. La Giornata internazionale contro i test nucleari è finalizzata proprio a sensibilizzare l’opinione pubblica su quelli che possono essere gli effetti dei test globali sulle armi nucleari e rinforza il divieto dei test nucleari come passaggio obbligato e ulteriore per vivere in un mondo più sicuro e certamente migliore.

Sfondo storico della Giornata

La storia dei test nucleari, come è a tutti noto, ha preso tristemente avvio il 16 luglio 1945, quando una bomba atomica è stata utilizzata in un sito di test nel deserto ad Alamogordo, nel New Mexico, negli Stati Uniti. Più di 2000 test nucleari sono stati effettuati in tutto il mondo tra il 1945 e il 1996. I test sulle armi nucleari sono generalmente suddivisi in diverse categorie che riflettono il mezzo o la posizione del test:

  • Prove atmosferiche.
  • Prove subacquee.
  • Prove sotterranee.

Garantire la protezione della vita delle persone e dell’ambiente che li circonda

Nel corso degli anni, nelle più svariate parti del mondo, sono state lanciata campagne di sensibilizzazione e politiche per vietare i test nucleari per garantire la protezione della vita delle persone e dell’ambiente che li circonda.

Dobbiamo attendere la fine del 2009, per vedere l’ONU rendersi protagonista di un progetto di risoluzione per una giornata internazionale contro i test nucleari finalizzata, in maniera palese e decisa, a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla gravità delle minacce e sui pericoli delle armi nucleari. Si sperava, al anche che gli Stati membri dell’ONU si muovessero verso l’idea del disarmo nucleare.

La storia

La Giornata internazionale contro i test nucleari è stata dichiarata ogni anno il 29 agosto, data storica che segna la chiusura di uno dei più grandi siti di test nucleari del mondo (in Kazakistan) nel 1991. La giornata è dedicata a potenziare la consapevolezza e l’educazione del pubblico sugli effetti che potrebbero determinarsi a causa delle esplosioni di test di armi nucleari o qualsiasi altra esplosione nucleare. Promuove anche la necessità di un mondo libero dalle armi nucleari.

La prima osservanza ufficiale della giornata è stata segnata per il 29 agosto 2010.

La steppa nel nord-est del Kazakistan

Durante la Guerra Fredda, un’area remota della steppa nel nord-est del Kazakistan divenne sede di quasi un quarto dei test nucleari del mondo. Il sito di prova di Semipalatinsk non era occupato, ma i villaggi vicini soffrivano ancora di ricadute nucleari e polvere radioattiva trasportata dai venti. Alcuni abitanti sono stati esposti alle esplosioni acute delle esplosioni nucleari e basse dosi di radiazioni hanno colpito fino a 1 milione di persone nel corso di diversi decenni. L’esposizione alle radiazioni ionizzanti dei test sulle armi nucleari ha causato vari difetti genetici e malattie nella regione, come deformità congenite, leucemia, impotenza, cancro e disturbo da stress post-traumatico. L’orribile danno continua fino ad oggi poiché gli effetti delle radiazioni possono essere tramandati da una generazione all’altra.

Il trattato di divieto globale dei test nucleari

Negli anni successivi al 1945, furono compiuti sforzi sia civili che politici per porre fine ai test nucleari. Le esperienze della Seconda guerra mondiale e la conoscenza delle conseguenze umanitarie dei test nucleari hanno portato all’adozione del Trattato sul divieto globale degli esperimenti nucleari (CTBT) del 1996. Sebbene il Trattato non sia entrato in vigore, ha stabilito un’importante norma contro test nucleari. Nell’era del Trattato di divieto globale dei test nucleari, solo tre paesi hanno effettuato test nucleari: India, Pakistan e Corea del Nord. Tuttavia, una norma o una moratoria autoimposta sui test nucleari non potrà mai sostituire un accordo legale completo e universalmente vincolante.

Sistema di verifica globale progettato per monitorare e verificare la conformità al trattato

L’Organizzazione CTBT ha istituito un sistema di verifica globale progettato per monitorare e verificare la conformità al trattato. Il ruolo più importante di NORSAR è quello di essere il Centro dati nazionale norvegese per il Trattato di divieto globale dei test nucleari (CTBT). Gestisce le installazioni sul campo della Norvegia per il sistema di monitoraggio internazionale CTBT e fornisce consulenza alle autorità norvegesi su questioni relative al rispetto del trattato. Attraverso questo lavoro, NORSAR contribuisce a un mondo più sicuro e privo di armi nucleari.

Informazione per alunni e docenti

Le pagine web della Giornata internazionale contro i test nucleari delle Nazioni Unite forniscono molte informazioni di base sulla storia dei test nucleari e sui vari trattati e azioni che sono state intraprese per ridurre le armi nucleari e vietare i test. Queste pagine a disposizione, di scuole, associazioni e raggruppamenti vari, video clip e altre risorse multimediali. Interessante è l’allegata unità di Apprendimento dal titolo “Nucleare: Risorsa o Minaccia?”, destinata a studenti della classe II dell’Istituto Tecnico, e realizzata dai docenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Selmi di Modena mirabilmente diretto dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Margherita Zanasi.

Scarica UDA

Stampa

Eurosofia avvia il nuovo ciclo formativo: “Coding e pensiero computazionale per la scuola del primo ciclo”