Nube tossica di cloro in provincia di Reggio Emilia: decine di intossicati tra docenti e alunni, scuole evacuate

WhatsApp
Telegram

Un centinaio di persone, tra cui molti studenti, sono rimaste intossicate questa mattina a causa di una nube di cloro sprigionatasi vicino alle piscine delle scuole di Guastalla, in provincia di Reggio Emilia. Fortunatamente, nessuno dei coinvolti versa in gravi condizioni.

L’incidente è avvenuto durante una fase di travaso di acido cloridrico, causando la formazione di una nube tossica che si è rapidamente diffusa nella zona circostante, interessando anche il bar e la mensa adiacenti, affollati a quell’ora per le colazioni. Molti studenti, riunitisi prima dell’inizio delle lezioni, hanno manifestato sintomi di tosse e lacrimazione agli occhi. La nube si è poi spostata all’interno della scuola, rendendo necessaria l’evacuazione immediata dell’edificio.

Sul posto sono intervenute tempestivamente le squadre di soccorso, provenienti da tutta la provincia. Molti degli intossicati sono stati trattati sul posto con ossigenoterapia, mentre una quarantina di persone sono state trasportate negli ospedali vicini per ulteriori accertamenti. Al momento, i vigili del fuoco stanno monitorando la concentrazione di gas all’interno della scuola per valutarne la sicurezza e la possibile riapertura.

L’episodio ricorda un evento simile accaduto pochi giorni fa a Milano, dove 42 persone, tra cui 28 bambini, sono rimaste intossicate a causa di una fuga di cloro in una piscina.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri