“Non si vive di sola aria, adeguare gli stipendi di docenti e Ata. Governo Draghi ce l’ha con i precari”. L’affondo di Buondonno (Sinistra Italiana) [VIDEO]

WhatsApp
Telegram

Il responsabile Scuola e Università di Sinistra Italiana, Giuseppe Buondonno, a Orizzonte Scuola, si scaglia contro l’attuale governo Draghi.

“Il governo Draghi ce l’ha con i precari della scuola, vuole scoraggiarli ad insegnare. Servono fondi per assumere e formare decine di migliaia di docenti, per estendere tempo pieno e prolungato, per ridurre il numero di alunni nelle classi. Non per inventarsi, senza nessun confronto con i sindacati e con la scuola, figure estemporanee di nessuna utilità reale”

E ancora: “Non si vive di sola aria e gli stipendi è necessario che siano pagati tutti nei tempi correttamente stabiliti dai contratti di lavoro. L’essenza del governo Draghi: forte con i deboli e sdraiato con i forti”.

Sul ritorno in classe: “Nessun lavoro strutturale è stato fatto, dal recupero di spazi agli interventi seri sulla sanificazione e sulla ventilazione. Nessun intervento di riduzione degli alunni per classe, anzi”.

Poi aggiunge: “Ci sono i soldi del PNRR, vanno aumentati, per scuola e università, quelli del bilancio ordinario dello Stato. Vanno spesi per i problemi e i bisogni reali: più insegnanti (e più stabili), classi più piccole, spazi e trasporti più idonei, più insegnanti di sostegno, più diritti agli assistenti per l’autonomia. Non vanno sprecati per potenziare strumenti inutili di valutazione concorrenziale tra le scuole e tra i territori. La scuola sia lo spazio dell’inclusione e della collaborazione solidale, non della concorrenza aziendalistica”

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023: requisiti di accesso e corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, offerta in scadenza