Non si vendono più bibite zuccherate nelle scuole superiori dell’Unione Europea

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’Unesda, l’associazione europea di categoria che rappresenta i più noti produttori di bevande analcoliche, ha annunciato che non venderà più bevande zuccherate nelle scuole secondarie dell’Ue.

L’iniziativa, su base volontaria, sarà applicata gradualmente con l’obiettivo di raggiungere entro la fine del 2018 tutti i paesi Ue, coinvolgendo oltre 50mila scuole secondarie e più di 40 milioni di studenti.

Dal 2019, le aziende aderenti a Unesda venderanno negli istituti scolastici solo bibite a ridotto contenuto calorico o senza calorie, oltre alle bottigliette di acqua.

L’iniziativa è “l’ultima tappa importante intrapresa dall’industria dei soft drink nello sforzo di contribuire a ridurre l’obesità”, si legge in una nota Unesda.

Dal 2006, gli aderenti a Unesda hanno introdotto specifiche limitazioni alle forme di promozione e pubblicità nei canali diretti a bambini sotto i 12 anni e sulla vendita di bibite nella scuola primaria.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare