Non si sa quando il personale della scuola sarà vaccinato. Fondi per i vaccini italiani. Lettera

Stampa

Inviata da Pieroni Mara – I piani vaccinali devono essere rivisti, perciò non si sa quando il personale delle scuola sarà vaccinato.

Nel frattempo, come informa la webpage di Panorama, il vaccino italiano Reithera, studiato con la collaborazione dell’ospedale romano Spallanzani  finaziato per la fase 1 della sperimentazione dalla Regione Lazio e dal Ministero della Ricerca/CNR, è in attesa dei finanziamenti per le successive due fasi sperimentali, come promesso dal Commissario Straordinario Arcuri.

I docenti e tutto il personale scolastico, che attende con pazienza il suo turno, non deve essere essere penalizzato perché non vengono stanziati questi fondi al più presto per un’azienda italiana che ha fatto la sua parte fino ad ora e soprattutto per ricercatori italiani, formati da università italiane, con soldi di contribuenti italiani. In Italia la burocrazia è un fardello di cui non ci si può proprio liberare.

Invece di pensare a nuove votazioni politiche, che richiederebbero l’esborso di chissà quanti soldi per la logistica e tutto il corollario che normalmente le elezioni politiche si portano dietro, ragioniamo per finanziare un vaccino tutto italiano.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur