Non si può abbassare il numero di ore di sostegno ad un allievo che mantiene le stesse esigenze didattiche

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Con ordinanza n. 42/2019 il TAR salerno ha statuito che il disabile grave ha diritto al numero massimo di ore di sostegno laddove non siano mutate nel corso degli anni le proprie esigenze  didattiche.

Con tale arresto il TAR Salerno ha riconosciuto ad un minore disabile residente in Provincia e difeso dall’avv. Domenico Antonio Stasio il numero massimo di ore di sostegno ( 22) sospendendo tutti i provvedimenti adottati dal Dirigente Scolastico che invece avevano previsto l’attribuzione di sole 17 ore per l’a/s 2018/2019 con ciò determinandosi una disparità con quanto avvenuto negli anni scolastici precedenti laddove veniva assegnato sempre il massimo del monte orario.

Ed infatti il Dirigente per l’a/s 2018/2019 assegnava al minore in questione solo 17 ore di sostegno contro le 22 da sempre attribuite negli anni scolastici precedenti seppur in presenza delle medesime esigenze didattiche ed educative e senza che venissero ravvisati miglioramenti nelle condizioni del bambino.

Tale modus operandi è stato quindi ritenuto illegittimo dal TAR Salerno che ha dedotto circa la illegittimità del provvedimento di assegnazione al disabile in questione di sole 17 ore di sostegno.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione