Non si potranno fare più di 36 mesi di supplenze, dirigenti responsabili in caso di risarcimento

di Anselmo Penna
ipsef

Che i docenti precari non potranno più svolgere supplenze superiori a 36 mesi, è scritto nell’articolo 12 del DDL di riforma della scuola, pubblicato questa mattina dalla nostra testata e poi apparso su altri siti web.

Che i docenti precari non potranno più svolgere supplenze superiori a 36 mesi, è scritto nell’articolo 12 del DDL di riforma della scuola, pubblicato questa mattina dalla nostra testata e poi apparso su altri siti web.

 Avendo avuto a disposizione il testo già da ieri sera, abbiamo affrontato la questione delle supplenze con un articolo di Lalla pubblicato questa mattina sulle nostre pagine. Nell'articolo abbiamo messo in evidenza come le regole non siano ancora chiare, ma lo scopo è evidente, sarà fatto divieto ai docenti precari di cumulare supplenze per un quantitativo  superiore a 36 mesi.

Questo per non incappare nelle sanzioni che sono state indicate dalla sentenza della Corte di giustizia europea che ha condannato l'Italia per la reiterazione dei contratti a termine. Il Ministero vuole evitare richieste risarcitorie o assunzioni coatte per sentenza.

Chi controllerà che i docenti precari non superino il tetto di 36 mesi? Il testo del DDL parla chiaro, sarà una seguente normativa che determinerà le modalità, ma di certo indica nel dirigente scolastico il responsabile, colui che dovrà vigilare e soggetto a rivalsa da parte dello Stato nel caso in cui sarà causa dello sforamento del tetto.

DDL riforma scuola: supplenze out oltre i 36 mesi. Ma regole non chiare

I supplenti potranno svolgere al massimo 36 mesi di servizio. Poi non potranno più lavorare?

Tutto sulla Buona scuola

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare