Io non sciopero l’8 gennaio. 26.000 maestre in GaE faranno regolarmente lezione

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le maestre in Gae in seguito a concorsi ordinari e procedure riservate vogliono far conoscere la loro posizione sullo sciopero di domani, che coinvolgerà i docenti con diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/02, a i quali il Consiglio di Stato ha detto no all’inserimento nelle Graduatorie ad esaurimento.

26.000 DOCENTI IN GAE

E’ il punto di vista di quelli docenti che hanno visto ingrossare le fila delle graduatorie ad esaurimento in seguito alle cautelari di inserimento, spesso retrocedendo di posizione, e quindi perdendo supplenze e ruoli.

Una situazione complessa, alla quale il Governo attuale non ha pensato di fornire una soluzione, lasciando alle aule giudiziare la parola finale.

“Non ce l’abbiamo con chi ha il diploma magistrale ( lo abbiamo anche noi) – scrivono le maestre – non diciamo che non possano insegnare. Chiediamo solo e da sempre che vengano DOPO chi, come noi, è nelle GaE o per aver superato una o più prove concorsuali, o per aver seguito percorsi abilitanti specifici varati dallo Stato nel corso di diversi anni”

#NOSCIOPERO8GENNAIO

Ed elencano i danni subìti

  • organico di potenziamento non attuato per l’infanzia
  • ingresso nelle GaE di colleghi che hanno maturato servizio solo nelle scuole paritarie
  • ingresso nelle GaE di docenti che non sono mai stati selezionati o che non hanno mai insegnato

LE RICHIESTE

Ed ecco quindi le richieste

  • trasformazione immeditaa di tutti i contratti dei ricorsisti da tempo indeterminao a tempo determinato
  • ruoli immediati per chi ne aveva diritto

Inserimento diplomati magistrale in GaE ha fatto perdere posizioni, ruoli e supplenze ai 26 mila precari in GaE a pieno titolo

 

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare