Non saranno più gli italiani a insegnare matematica. Ecco perché. Lettera

WhatsApp
Telegram
ex

Inviato da Salvatore Sottile – Gentili colleghi, Insegno matematica e fisica da circa cinque anni con contratti a tempo determinato e sempre annuali di 18 ore settimanali.

Desideravo condividere con voi un informazione che a mio parere esprimerà una situazione drammatica in cui si troverà il nostro Paese, nel campo della scienza e quindi del contenuto che potrà apportare in ambito universale, come abbiamo sempre fatto.

Durante questo periodo quinquennale ho sempre chiesto alle classi quinte, (in particolare dei licei scientifici) chi prenderà le facoltà di matematica, o fisica. Praticamente su circa mediamente gruppi di 60 studenti ho ottenuto consensi di uno o due studenti. Solo qualcuno (pochissimi anch’essi) protende verso ingegneria.

Analoga informazione raccolgo con tanti altri miei colleghi, ingegneri e matematici, impegnati nell’insegnamento da anni. Ipotizzando che tali informazioni rispecchino una situazione davvero globale mi chiedo: chi insegnerà matematica e fisica fra 15 anni, nelle scuole italiane? Certamente non più gli italiani, e visti i nostri stipendi, certamente né i tedeschi o gli svizzeri.lettera

Pur rispettando e stimando chi viene dai paesi dell’Est Europa e dell’America Latina (molti sono laureati in materie scientifiche), a fare qui dei lavori che gli italiani, molto spesso, si rifiutano di svolgere; è più che logico che essi saranno i futuri insegnanti dei nostri figli. Un grande paradosso vista la politica attuale con la quale non si regolarizzano precari, che come me, insegnano da anni materie di cui le cattedre vacanti aumenteranno sempre più.

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO