Non occorrono rilevazioni biometriche, c’è il registro elettronico. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Mario Bocola – È opportuno ribadire che i sistemi di rilevazione della presenza dei docenti all’interno della scuola sono unicamente indicati dalla firma apposta dagli insegnanti sia sul registro di classe che sul registro elettronico.

Per tale motivo è del tutto inopportuno che per i docenti si prevedano altre forme di rilevazione della loro presenza come quello delle impronte e biometrici. Il registro elettronico rappresenta un documento ufficiale a tutti gli effetti che segnala la presenza dell’insegnante nella scuola. Se fosse il contrario la sua assenza verrebbe immediatamente notata.

Sarebbe, invece, il caso di ricordare che il sistema delle impronte e biometrico potrebbe essere introdotto per qualsiasi altra persona, estranea alla comunità scolastica, che andrebbe subito identificata. Purtroppo gli episodi di violenza che ormai da tempo prendono di mira gli insegnanti vanno nella direzione di introdurre sistemi di rilevazione della presenza di estranei che possano causare episodi di interruzione di pubblico servizio oppure di lesioni personali nei riguardi dei docenti nell’esercizio delle sue funzioni.

Si ricorda che l’insegnante, all’interno della scuola, assume le funzioni di pubblico ufficiale a tutti gli effetti di legge.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione