“Non impedì bullismo su allievo disabile”, docente rischia 18 mesi di carcere

WhatsApp
Telegram

Con l’accusa di non avere impedito atti di bullismo su un allievo disabile una insegnante di scuola media è processata in tribunale a Torino. La procura ha chiesto la condanna a 18 mesi, mentre la difesa ha invocato l’assoluzione sostenendo che la donna non può essere considerata responsabile e che, semmai, l’intera vicenda “è un fallimento del sistema scolastico”.

I fatti risalgono all’anno scolastico 2015/16 e si sono svolti in un istituto con sede in una località della provincia.

L’avvocato difensore ha spiegato che la professoressa, priva di competenze specialistiche, era in prova, e che la dirigenza della scuola le aveva ordinato di affiancare l’insegnante di sostegno (che è uscito dal processo patteggiando una pena) con un generico progetto didattico sulla legalità.

“La scuola – ha insistito il legale – non voleva fare brutta figura. Ma gli insegnanti non sono tappabuchi. La mia assistita è vittima di un sistema distorto di gestione delle risorse umane”.

Angherie e vessazioni sul disabile furono opera di un compagno che non risparmiava nemmeno altri ragazzi e ragazze della classe. La vicenda emerse quando gli alunni ne parlarono in un tema alla fine dell’anno scolastico.

La mamma ritirò il figlio dalla scuola e in seguito presentò una denuncia.

Quanto al bullo, che non è stato perseguito perché all’epoca aveva meno di 14 anni, in seguito si è scusato: “Ho fatto cose orribili”.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur