Non ho presentato la domanda per le Graduatorie GPS entro il 6 agosto, come potrò insegnare?

Stampa

Supplenze anno scolastico 2020/21: non sappiamo se e per quali classi di concorso potrebbe rendersi necessario attingere da fuori graduatoria per reperire insegnanti. Per il prossimo biennio infatti sono state costituite le graduatorie provinciali e di istituto, a cui gli uffici Scolastici e i Dirigenti Scolastici dovranno fare prioritario riferimento per coprire i posti vacanti per tutto l’anno scolastico o anche solo per supplenze temporanee.

La domanda entro il 6 agosto era obbligatoria per richiedere l’inserimento nelle graduatorie del biennio 2020/21 e 2021/22

Anche i docenti già inseriti nelle graduatorie di istituto del triennio precedente 2017/20 hanno dovuto rinnovare la domanda, presentando ex novo titoli e servizi. L’OM n. 60/2020 ha infatti rinnovato il sistema delle supplenze e quindi richiesto a tutti gli aspiranti di sottoscrivere una nuova domanda di inserimento.

Alla pubblicazione delle GPS, ormai avvenuta in tutte le province, le graduatorie del 2017/20 hanno perso valore, non possono essere utilizzate. Il Ministero le ha dichiarate “caducate e inattingibili”.

Pertanto chi, per problemi personali o perchè non ha saputo in tempo dell’aggiornamento, non ha inviato la domanda entro il 6 agosto, non potrà comparire nelle graduatorie.

La domanda di messa a disposizione

Rimane l’unica possibilità. Nella nota del 5 settembre 2020 il Ministero ne ha limitato la diffusione: “Le domande di messa a disposizione devono essere presentate esclusivamente dai docenti che non risultino iscritti in alcuna graduatoria provinciale e di istituto e possono essere presentate per una provincia da dichiarare espressamente nell’istanza” non specificando le sanzioni alle quali si va incontro nel caso in cui tale disposizione non venga rispettata.

Alcuni docenti affermano che la necessità di lavorare superi di gran lunga le possibili sanzioni (ad es. l’eventuale mancato riconoscimento del punteggio).

Ci si potrà iscrivere in graduatoria nel 2022?

Questi docenti al momento fuori del circuito delle graduatorie potranno inserirsi nelle graduatorie (se ne avranno ancora bisogno, se nel frattempo non saranno stati assunti in ruolo dai prossimi concorsi) dopo il biennio 2020/22?

Per quanto riguarda i docenti in possesso di abilitazione, la risposta è affermativa. Per i docenti in possesso del solo titolo di studio invece bisogna attendere nuovi riferimenti normativi: l’ingresso di non abilitati infatti era stato stoppato dalla legge 107/2015, ma dopo quelle parole scritte ci sono stati altri due aggiornamenti: 2017 e 2020. Per cui non se ne esclude un terzo.

Naturalmente auguriamo a chi si trova in questa situazione di non dover attendere il prossimo aggiornamento di poter essere assunto in ruolo attraverso le procedure concorsuali che stanno per essere avviate, se i docenti coinvolti hanno presentato la domanda nei termini corretti e svolgeranno le prove.

Stampa

Preparazione concorsi e TFA Sostegno con CFIScuola!